In fuga per amore nonostante i domiciliari, si aprono le porte del carcere

Un marocchino di 39 anni, indagato per traffico di stupefacenti, doveva starsene a casa ma in tre settimane è stato arrestato due volte per altrettante evasioni

Voleva passare un weekend romantico con la fidanzata in quel di Trodica di Morrovalle ma non poteva. Gli arresti domiciliari, cui era sottoposto quale indagato del reato di traffico illegale di stupefacenti, glielo impediva. Ma il provvedimento emesso dal Tribunale di Fermo non ha sortito gli effetti sperati e così un marocchino di 39 anni, residente a Castelfidardo, è tornato in carcere. L’uomo è stato arrestato per ben due volte, nelle ultime tre settimane, dai carabinieri fidardensi.

La prima risale al 16 luglio quando è stato trovato in compagnia di altre persone  (mentre lui avrebbe potuto comunicare solo con i conviventi) mentre nella seconda occasione è stato fermato in auto mentre si recava a Trodica dalla fidanzata. Dopo la denuncia dei militari dell’Arma il gip di Fermo ha revocato gli arresti domiciliari e inasprito il provvedimenti di custodia cautelare: il marocchino è così finito a Montacuto. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile frontale tra due auto, tragedia al tramonto: un morto e un ferito grave

  • Macabra scoperta al cimitero, neonato mummificato trovato sopra una bara

  • Tragedia in casa, trovato morto un papà di 44 anni

  • Tragico investimento in via Conca, l'uomo è morto in ospedale

  • Ucciso da un'auto davanti all'ospedale, Giuseppe era andato a trovare la moglie

  • Malore durante una partita di tennis, rianimato sul posto: è gravissimo

Torna su
AnconaToday è in caricamento