rotate-mobile
Cronaca

Arrestato dopo l'aggressione, evade dai domiciliari con la scusa del sushi: «Avevo fame»

E' quanto detto da un 20enne agli agenti di polizia. Era stato proprio lui il protagonista di un'aggressione avvenuta poche ore prima in via Torresi

ANCONA - Doppio arresto in meno di 24 ore per un 20enne, finito in manette per un'aggressione in via Torresi e poi per essere evaso dai domiciliari. Il primo arresto è scattato nel pomeriggio di ieri (sabato) dopo un pestaggio subito da un 30enne messicano. 

L'aggressore, senza un reale motivo, avrebbe colpito la vittima con calci e pugni. Sul posto la polizia di Ancona che lo ha arrestato e condotto ai domiciliari in attesa dell'udienza di convalida. Proprio dal suo appartamento però il 20enne è evaso con una scusa alquanto bizzarra. La polizia infatti lo ha sorpreso, in serata, nei pressi di un ristorante di sushi posto poco distante dalla sua abitazione. Aveva fame e per questo aveva deciso di uscire di casa, nonostante la misura cautelare. Il 20enne è stato quindi accompagnato in questura dove rimarrà fino a domani mattina, quando ci sarà la doppia udienza di convalida presso il tribunale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arrestato dopo l'aggressione, evade dai domiciliari con la scusa del sushi: «Avevo fame»

AnconaToday è in caricamento