Porto: “Abbandonate la nave!”, ma è solo un’esercitazione

Questa mattina nel porto di Ancona si è svolta un'importante esercitazione di abbandono nave col sistema M.E.S., che permette evacuare un passeggero ogni 6 secondi ad appena 90 secondi dall'allarme

Questa mattina nel porto di Ancona si è svolta un’importante esercitazione di abbandono nave: alle ore 8 e 30 il traghetto M/N Cruise Olympia ha lasciato gli ormeggi e, dopo essersi posizionato al centro del bacino portuale, ha proceduto all’attivazione del M.E.S. (Maritime Evacuation System), un particolare sistema per la rapida evacuazione dei passeggeri dal ponte di imbarco fino alle zattere di salvataggio autogonfiabili.

Questo sistema permette, dopo appena 90 secondi dall’attivazione, l’evacuazione di un passeggero ogni 6 secondi: la persona, calandosi in tutta sicurezza all’interno di uno scivolo, termina la propria discesa in una piattaforma - autogonfiatasi nel frattempo - per poi sistemarsi all’interno di una delle zattere già pronte al momento dell’attivazione del sistema.

esercitazione porto Ancona (2)-2È una dotazione fondamentale per tutte le navi RO.RO. PAX (navi traghetto con garage per il trasporto di merci), obbligatoria per le navi di nuova costruzione a partire dal 01.07.1998, mentre, per quelle costruite antecedentemente a detta data, sono previste scadenze differenziate per l’adeguamento alla normativa vigente.

Alla particolare quanto spettacolare esercitazione, dopo una breve presentazione del sistema da parte del Primo Ufficiale di coperta della M/N Cruise Olympia, hanno assistito alcuni studenti dell’Istituto Nautico di Ancona, congiuntamente al personale della Capitaneria di Porto di Ancona.

“Il personale della Capitaneria di Porto di Ancona è impegnato in continue attività di controllo ed ispezioni, intese a verificare l’efficienza dei vari sistemi di sicurezza di tutte le navi mercantili, comprese le navi passeggere, a tutela della sicurezza della navigazione e della salvaguardia della vita umana in mare” ha commentato l’Ammiraglio Giovanni Pettorino, Comandante Regionale della Guardia Costiera delle Marche, al termine dell’esercitazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo caso anche nelle Marche: positivo al primo test in attesa di controprova

  • Coronavirus, altri 2 tamponi positivi: salgono a 3 i casi nelle Marche

  • Coronavirus, Marche blindate: firmata l'ordinanza

  • Coronavirus, Ceriscioli sta per blindare le Marche. Conte telefona: «Fermi tutti»

  • I carabinieri: «Apra il cofano», lui: «C'è solo un po' di fumo». Arrestato con 5 kg di droga

  • La malattia ha spento il sorriso di Carlo Termentini, lutto nell’imprenditoria

Torna su
AnconaToday è in caricamento