I manifestanti
Cronaca

Aria di zolfo a Falconara, manifestazione dei cittadini alla stazione

Dopo due giorni di esalazioni solforose e nessuna comunicazione da parte delle autorità i cittadini falconaresi scendono in strada a protestare

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Nelle giornate di venerdì 6 e sabato 7 novembre 2015, in tutto il territorio di Falconara Marittima, numerosi cittadini hanno avvertito un forte odore di zolfo che rendeva l'aria acre ed irrespirabile. Molte sono state le segnalazioni al numero verde per le emergenze ambientali dell'amministrazione comunale che, in alcuni casi, è risultato irraggiungibile, probabilmente a causa dell'elevato numero di chiamate. Gli operatori contattati, secondo le testimonianze di alcuni cittadini, hanno comunicato di non sapere quale fosse la fonte dell'inquinamento, di aver allertato l'ARPAM e di non aver ricevuto da questa alcuna istruzione su eventuali norme di comportamento precauzionali da suggerire alla popolazione. Le segnalazioni sono state numerose anche su Facebook, in particolare sul gruppo Segnalazioni Aria Maleodorante Falconara Marittima. Anche in questa occasione si è visto che, solo grazie ai social network, è stato possibile reperire informazioni che non venivano fornite in via ufficiale dalle istituzioni preposte. In particolare, nel primo pomeriggio del sabato, il protrarsi della situazione di disagio e l'assenza di segnali concreti da parte delle istituzioni, hanno dato luogo ad un vero e proprio passaparola sui social network che è sfociato in una protesta pacifica presso la strada statale, nella zona antistante alla stazione ferroviaria di Falconara Marittima.

Alcune decine di cittadini, alcuni accompagnati da tutta la famiglia, grandi e bambini, hanno attraversato ripetutamente la strada, sulle strisce pedonali, esponendo dei cartelli di protesta contro le esalazioni e costringendo di fatto le macchine in transito a rallentare e fermarsi. Significativo il fatto che molti automobilisti invece di protestare e suonare il clacson abbiano cortesemente chiesto spiegazioni sulle motivazioni della protesta. Addirittura un paio di loro sono scesi dall'auto e si sono uniti al gruppo. Una macchina dell'ARPAM, passata probabilmente per caso, si è fermata. Ai tecnici a bordo sono state chieste delucidazioni, senza alcun esito. Sul posto sono intervenute sia una pattuglia di carabinieri della locale tenenza sia cinque vigili comunali che hanno provveduto a rilevare le generalità di quasi tutti i manifestanti. Da segnalare anche la presenza di due agenti della polizia ferroviaria. Nessun attrito tra le persone che protestavano e le forze dell'ordine che hanno ascoltato di buon grado le motivazioni dei cittadini. La protesta è terminata spontaneamente dopo circa due ore. Numerosi i filmati e le foto del l'avvenimento pubblicati sui social network.

Il Comitato Mal'Aria Falconara Castelferretti

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aria di zolfo a Falconara, manifestazione dei cittadini alla stazione

AnconaToday è in caricamento