Nato e allevato nelle Marche, il Distretto della Fettina entra nelle scuole di Sassoferrato e Genga

Tutta carne da bovini e suini nati e allevati nelle Marche, al pascolo libero tra Sassoferrato, Arcevia, Maiolati Spontini e Pergola, e macellati nel mattatoio di Sassoferrato

Bottega Italiana

I piccoli alunni di elementari, materna e asilo possono contare su una carne che impiega meno di 45 minuti ad arrivare dal pascolo alla tavola. Accade a Sassoferrato e Genga dove tra le aziende fornitrici di carne rientrano anche 8 allevatori che si sono uniti in cooperativa tra loro sotto la bandiera della filiera corta, della qualità e del benessere animale.

Tutta carne da bovini e suini nati e allevati nelle Marche, al pascolo libero tra Sassoferrato, Arcevia, Maiolati Spontini e Pergola, e macellati nel mattatoio di Sassoferrato. Una vera e propria rete della “fettina” di prossimità che ha fatto il suo  esordio tre anni fa con il nome di “La Fornace Sentinate”, presente anche all’interno del supermercato Tigre di Sassoferrato ed eletta da Coldiretti a Bottega Italiana, marchio nato per contraddistinguere i punti vendita all’interno dei quali sono venduti i prodotti agricoli ed agroalimentari provenienti dalla Filiera Agricola Italiana. “Il bando – spiega Sonia Artigiani, responsabile della Bottega – prevedeva la nascita degli animali all’interno del territorio italiano ma noi siamo stati anche più selettivi perché crediamo nella filiera cortissima e nel territorio”. Sono oltre 200 gli studenti coinvolti e a vegliare sulla qualità del servizio c’è una commissione mensa composta da genitori e insegnanti. Una sana e corretta alimentazione, fin dall’infanzia, è anche una questione di salute e di educazione che Coldiretti Donne Impresa porta avanti da anni per sensibilizzare l’opinione pubblica ma anche le politiche sociali delle amministrazioni a più livelli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non a caso nell’Agenda Programmatica presentata ai candidati delle recenti elezioni regionali figurava anche la richiesta di privilegiare nella redazione di gare d’appalto come, ad esempio, per la gestione di servizi di bar e ristorazione presso le Istituzioni pubbliche, mense (ospedali, residenze sanitarie, università, scuole) il cibo Made in Marche. “Una sana alimentazione è di primaria importanza per tutti, in modo particolare per i più piccoli – dice Francesca Gironi, responsabile di Coldiretti Donne Impresa Marche – ed è per questo che incoraggiamo la Regione a seguire l'esempio virtuoso di Sassoferrato e privilegiare politiche che premiano le aziende in grado di assicurare filiera corta e stagionalità”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento