Anconambiente: ecco le cifre dell’emergenza dal 2 febbraio ad oggi

L'azienda ha fornito le cifre della gestione di questo periodo di crisi: 220 ore di intervento straordinario e altre 320 in preventivo per il post emergenza. Iniziato sghiacciamento dei cassonetti

Con l’uscita dall’emergenza neve tutta la città cerca di tornare alla normalità, e anche il servizio di raccolta dei rifiuti non fa eccezione: “Per lunedì prossimo confidiamo di riprendere tutti i servizi di raccolta nel rispetto dei calendari di quartiere”, dichiara il Presidente Giorgio Marchetti. “Tutte le risorse operative e l’intero parco mezzi aziendale sono stati completamente messi a servizio della città per supportare le azioni di sgombero neve, ripristino della viabilità e manutenzione della pubblica illuminazione”.

Dalle prime ore di oggi Anconambiente garantisce l’attività di sghiacciamento in prossimità dei cassonetti presenti in tutte le zone periferiche e frazioni in cui non vige il servizio di raccolta porta a porta: tre turni di lavoro consecutivi giornalieri, pale gommate e diverse squadre operative. Liberate in giornata dal ghiaccio anche alcune vie del centro storico grazie all’intervento di Anconambiente e all’utilizzo di lance ad altissima pressione per spezzare i blocchi ormai compatti.

L’azienda ha fornito le cifre della gestione di questo periodo di crisi meteorologica: ben 220 ore di intervento straordinario per l’emergenza neve dal 2 febbraio ad oggi, se si considera invece l’attività della centrale operativa da cui sono partiti ogni giorno mezzi spargisale, autobotti con acqua marina e lame sgombraneve su numerosi tratti stradali assegnati dal Comune, tra cui  la percorribilità giornaliera dalla Galleria Risorgimento all’Ospedale regionale di Torrette.
Per ciò che riguarda le emergenze gestite dal servizio di pubblica illuminazione (ad esempio alberi caduti sulle linee di illuminazione pubblica e sui pali e ghiaccio dai cornicioni caduto sui corpi illuminanti) sono state impiegate ad oggi tutte le unità operative disponibili (8 persone) per un totale di 149 ore, 3 mezzi per le lavorazioni in quota, 3 camion con pianale e grù e 2 mezzi furgonati attrezzati come officine mobili. Le operazioni di sgombero neve con il bobcat in area portuale hanno finora richiesto oltre 100 ore di intervento. La previsione per la fase di post emergenza, ancora in corso, prevede un impiego di personale per 390 ore e di mezzi per 200 ore.

Resta forte l’appello ai cittadini da parte dell'azienda per evitare che ricorrano a conferimenti indifferenziati a causa dell’emergenza neve: Anconambiente raccomanda quindi di disfarsi gradualmente di quanto finora trattenuto in casa (carta, plastica, vetro e metalli) e di farlo nel massimo rispetto delle regole.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, arriva un assaggio d'inverno: maltempo, freddo e anche la neve

  • Scarpe Lidl, mania anche ad Ancona: scaffali svuotati in mezz'ora, maxi rivendite

  • Zona arancione, per Acquaroli non basta: «Presto ordinanza anti-assembramento»

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

Torna su
AnconaToday è in caricamento