Emergenza freddo, apre il rifugio per i senzatetto: un turno anche per la vicesindaco

Ringrazio i volontari, le associazioni, le parrocchie e le persone con le quali abbiamo collaborato per poter dare un letto e un pasto caldo a chi è in difficoltà» ha detto Yasmin Al Diry

Yasmin Al Diry

Aprirà stasera il rifugio per persone senza dimora nei locali della parrocchia di San Giuseppe di via Friuli 8 a Falconara e la vicesindaco Yasmin Al Diry lancia un appello ai cittadini: «Tutti possono collaborare a questa iniziativa, mettendo a disposizione il loro tempo per coprire i turni, che vanno dalle 18.45 alle 22 per l’accoglienza e dalle 22 alle 7 per la notte». La stessa Al Diry coprirà un turno durante l’apertura del rifugio.

Il servizio, organizzato da alcune associazioni di volontariato e parrocchie in collaborazione con il Comune di Falconara per fronteggiare l’emergenza freddo, resterà attivo fino al 25 gennaio, con possibilità di proroga in caso di necessità. Sulla base di un protocollo di intesa del 10 maggio 2018, il Comune collabora con le associazioni Tenda di Abramo, Agesci Falconara 2, Agesci Ancona 6, Azione cattolica San Giuseppe, Masci Falconara, RiBò Unità di Strada Falconara e con le parrocchie di San Giuseppe e del Santo Rosario per l’accoglienza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In particolare l’amministrazione comunale contribuisce fornendo 14 pasti al giorno dal lunedì al venerdì per gli ospiti (la struttura potrà accogliere fino a tre donne e 11 uomini) preparati dalla società Serenissima che gestisce la mensa centralizzata, mettendo a disposizione il servizio di pulizia giornaliera e un pc per la registrazione degli ospiti (i cui dati vengono trasmessi alla Questura), mentre reti e materassi sono di proprietà del gruppo comunale di protezione civile. «Ringrazio i volontari, le associazioni, le parrocchie e le persone con le quali abbiamo collaborato – ha detto la vicesindaco – per poter dare un letto e un pasto caldo a chi è in difficoltà». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Folle corsa per la città, tra speronamenti e sorpassi: l'inseguimento e poi l'incidente

  • Il vento della protesta arriva anche ad Ancona

  • Contagio in aula, allarme in una scuola dell'infanzia: scatta la quarantena per i bimbi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento