Droga e sesso nella casa dello spaccio 

Stando ad alcune testimonianze di chi vive quella strada, sembra che l’appartamento dello spaccio fosse anche casa del sesso per donne in cerca disperata di sostanze stupefacenti

Blitz della polizia nella casa dello spaccio in via Pergolesi

Un via vai di donne, per lo più ragazze, era stato notato da residenti e commercianti della zona vicino alla casa di via Giambattista Pergolesi 32, quella dove l’altro giorno sono irrotti gli agenti della Squadra Mobile della Polizia di Ancona, trovando una casa dello spaccio con dentro 9 cittadini nigeriani in condizioni igieniche precarie, con la droga e tutto il materiale per il confezionamento e lo spaccio. Ora però, stando ad alcune testimonianze di chi vive quella strada, sembra che l’appartamento dello spaccio fosse anche casa del sesso per donne in cerca disperata di sostanze stupefacenti pesanti. Informazioni arrivate anche agli inquirenti che, nel massimo riserbo, stanno indagando per dare una risposta all’interrogativo più inquietante: quella casa poteva essere stata trasformata in un buco nero del degrado e dello spaccio simile a quello in cui, a Roma, ha trovato la morte Desiree, la sedicenne di Cisterna di Latina trovata morta in uno stabile occupato? 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Occupato proprio come lo era l’appartamento tra il parco Cittadella e gli Archi, dato che era stato acquistato da poco da un anconetano che lo aveva vinto ad un’asta immobiliare. L’ipotesi è che nell’appartamento, i pusher nigeriani approfittassero della loro posizione per avere rapporti con ragazze disposte a tutto per avere la propria dose di sostanza. Si apre uno scenario inquietante che trasformerebbe quei 70 metri quadrati in un luogo di oblio dove gli spacciatori, prima avrebbero lasciato che le ragazze si stordissero, per poi fare sesso, approfittando del loro stato di completo torpore. Si cerca la verità, andando a fondo ad una vicenda che potrebbe anche celare abusi e violenze sulla pelle di chi non ha paura di esporsi al pericolo e a chi, non si fa scrupoli a fare affari attraverso il commercio di droga. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Folle corsa per la città, tra speronamenti e sorpassi: l'inseguimento e poi l'incidente

  • Il vento della protesta arriva anche ad Ancona

  • Contagio in aula, allarme in una scuola dell'infanzia: scatta la quarantena per i bimbi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento