Cani antidroga a scuola, i prof: «La repressione da sola non serve»

Una nota degli insegnanti del Podesti per difendere le parole del Garante dei Diritti: «Così si squalifica la figura del docente»

Il Podesti Calzecchi Onesti

«Il focus del problema non è solo l'azione delle forze dell'ordine. Un intervento basato solo sulla rpressione non è lo strumento più adeguato». Anche i docenti del Podesti Calzecchi Onesti si schiarano con il Garante dei Diritti, Andrea Nobili, che nei giorni scorsi era intervenuto sulle operazioni antidroga con i cani all'interno delle scuole

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Come docenti - scrivono - riteniamo doveroso intervenire nel dibattito sorto dopo l’operazione dei carabinieri di mercoledì 23 gennaio 2019. Riteniamo che il dibattito dovrebbe essere focalizzato sulla figura dell’istituzione scuola e docenti che silenziosamente lavorano mossi da passione e desiderio nell’accompagnare i ragazzi nel momento più difficile della loro età evolutiva. Il messaggio che arriva all’opinione pubblica disconosce e squalifica la figura del docente tanto da ritenere che occorra un’azione repressiva delle forze dell’ordine per sostituire il lavoro, i progetti, le reti tra istituzioni». La scuola definisce «strumentale e legato ad una visione proibizionista» gli attacchi a Nobili. «Non lo possiamo accettare - conclude la nota - Siano gli insegnanti e gli esperti dell’ASUR ad occuparsi dei rischi della salute e della formazione dei nostri ragazzi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Folle corsa per la città, tra speronamenti e sorpassi: l'inseguimento e poi l'incidente

  • Il vento della protesta arriva anche ad Ancona

  • Contagio in aula, allarme in una scuola dell'infanzia: scatta la quarantena per i bimbi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento