Marijuana coltivata in mansarda, pusher aveva costruito una serra: arrestato

Il pusher aveva costruito una vera e propria serra nella propria mansarda, utilizzando alcune lastre in plexiglass per non far entrare la luce del sole e mantenere le piante ad un'alta temperatura

Le piante di canapa sequestrate

BELVEDERE OSTRENSE - Quando i carabinieri sono passati di fronte al suo appartamento hanno sentito un forte odore di marijuana. A quel punto è scattato il controllo ed il proprietario, un 38enne del posto, è stato arrestato per detenzione di sostanze stupefacenti. E' questo quanto accaduto ieri sera, quando i militari hanno trovato e sequestrato una serra contenente 35 piante di canapa.

Il pusher aveva costruito una vera e propria serra nella propria mansarda, utilizzando alcune lastre in plexiglass per non far entrare la luce del sole e mantenere le piante ad un'alta temperatura. I carabinieri hanno inoltre trovato altre due piante in salotto, mentre nelle altre stanze sono state sequestrate alcune infiorescenze verdi già tagliate, da destinare allo spaccio, per un peso complessivo di 1,3 chili. Infine su un tavolo sono stati trovati 600 grammi di foglie di marijuana tritate. Al momento del controllo nell'appartamento c'era anche una donna ed altri due uomini. A loro è stato contestato il reato di coltivazione e detenzione della droga e per questo sono stati denunciati. Il pusher invece è stato arrestato con il giudice che questa mattina ha disposto gli arresti domiciliari presso la sua abitazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

  • «Democrazia sospesa dai Dpcm, ora querele contro chi li applica: polizia e sindaci»

Torna su
AnconaToday è in caricamento