Cronaca Senigallia

Blitz in casa del giovane spacciatore, droga nascosta nel cuscino: increduli i genitori

Il pusher è finito in manette per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Dopo le formalità di rito, su disposizione del PM è stato riaccompagnato a casa in regime di arresti domiciliari

Un insospettabile diciannovenne, residente a Senigallia, è stato arrestato ieri pomeriggio dai Carabinieri, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. I militari da qualche giorno monitoravano i suoi movimenti. Ieri la decisione di far scattare il blitz trovando nel suo appartamento di via Podesti circa 70 grammi di hashish pronta per essere venduta sulla piazza di spaccio.

L'operazione è scattata intorno alle 15:30 quando il 19enne è uscito di casa. Subito perquisito il giovane ha consegnato spontaneamente un involucro di plastica, che nascondeva nelle mutande, contenente 11 pezzetti di hashish avvolti ciascuno in carta velina. I Carabinieri, convinti che ci fosse dell’altro, hanno deciso anche di entrare in casa. I genitori, increduli per quanto stava accadendo, non hanno opposto alcuna forma di opposizione limitandosi ad assistere al compimento delle operazioni. Il ragazzo, a quel punto, anche per non dare ulteriore imbarazzo ai genitori, ha accompagnato i militari nella sua camera da letto ed ha tirato fuori dall’imbottitura della testata del letto un altro involucro di plastica conservante questa volta 26 pezzetti di hashish simili a quelli consegnati in precedenza ed altri 3 pezzi più grandi della stessa sostanza stupefacente nascosti in un cassetto del mobile insieme ad un bilancino elettronico di precisione. Il giovane è stato accompagnato in caserma dove gli investigatori hanno eseguito la pesatura ed il narcotest sulla sostanza che è risultata essere “resina di cannabis indica” per un quantitativo totale di 70 grammi.

Il diciannovenne è stato dichiarato in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Dopo le formalità di rito, su disposizione del PM è stato riaccompagnato a casa in regime di arresti domiciliari. Questa mattina il Tribunale di Ancona ha convalidato l’arresto ed in attesa della prossima udienza, rinviata per stabilire il quantitativo di thc contenuto dalla sostanza, ha applicato al giovane la misura cautelare dell’obbligo di firma in caserma.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Blitz in casa del giovane spacciatore, droga nascosta nel cuscino: increduli i genitori

AnconaToday è in caricamento