Cronaca Quartiere Adriatico / Largo XXIV Maggio

Non può avere i soldi chiesti, donna minaccia il suicidio dal balcone del Comune

La donna aveva già minacciato due volte il suicidio nell'estate del 2014. Una prima volta dal traliccio della linea ferroviaria davanti alla Mole Vanvitelliana e pochi giorni dopo dal tetto di un palazzo di via Marconi

La Polizia intervenuta in Comune

Va in Comune per chiedere dei soldi e quando le viene spiegato che non è possibile fornire del denaro in quel modo, esce sulla balconata di Palazzo del Popolo e minaccia di buttarsi di sotto. A pensare al suicidio poco fa è stata un’anconetana di 56 anni che, nell’estate del 2014, aveva già minacciato di farla finita 2 volte. Una prima dal traliccio della linea ferroviaria davanti alla Mole vanvitelliana e pochi giorni dopo dal tetto di un palazzo di via Marconi

La donna, disoccupata con una pensione di 260 euro al mese e un marito malato, stamattina è entrata negli uffici comunali chiedendo che le venisse donato del denaro racconto con una colletta. Quando le hanno spiegato come il  Comune non possa certo fornire una cifra in denaro su richiesta diretta, la donna è salita al secondo piano del palazzo pubblico di largo 24 Maggio, è uscita sulla grande balconata che dà sulla strada e ha urlato: «Fate subito una colletta oppure mi butto».

Immediato l’allarme che ha mobilitato ambulanze, Vigili del Fuoco e Polizia, nel tentativo di far ragionare la 56enne, che comunque non ha mai tentato di scavalcare il bordo della balconata. Alla fine è stata convinta a rientrare e in questo momento si trova negli uffici con gli assistenti sociali per trovare insieme una soluzione alla sua condizione di disagio. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non può avere i soldi chiesti, donna minaccia il suicidio dal balcone del Comune

AnconaToday è in caricamento