Indesit: un documento che unisce tutti i sindacati nel dire "No" al piano aziendale

E' arrivato anche un messaggio del vescovo di Fabriano e Matelica, Giancarlo Vecerrica: "Occorre che si sappia con grande chiarezza cosa sta accadendo e le intenzioni delle aziende in questo territorio"

No al piano da 1.425 esuberi della Indesit". 32 sindaci e rappresentanti di comuni delle province di Ancona, Macerata, Pesaro Urbino e Perugia hanno sottoscritto a Fabriano con Fim, Fiom e Uilm un documento in cui "si impegnano a sostenere ogni iniziativa di lotta promossa dalle organizzazioni sindacali locali e dalle Rsu degli stabilimenti fabrianesi" Indesit. E a utilizzare "tutti i canali istituzionali e politici per convincere il Gruppo e la Famiglia Merloni a rivedere i propri progetti".

Il documento degli amministratori locali invita la Indesit "a ritrovare nel proprio essere una grande azienda italiana, che all'Italia deve le sue origini e il suo successo, le ragioni per modificare le proprie scelte industriali, continuando a investire nel territorio, per il futuro dell'industria marchigiana e per un lavoro stabile, qualificato e radicato qui". Ottenere dall'azienda un nuovo piano industriale in grado di garantire "un adeguato livello di investimenti in nuovi prodotti e nei processi produttivi, è oggi la priorità per i lavoratori e per tutte le comunità rappresentate dai sindaci, anche per la salvaguardia del tessuto economico e sociale". Sindacati e sindaci "non possono condividere né accettare l'ipotesi di delocalizzazione produttiva e di ridimensionamento industriale" che a loro avviso il piano Indesit comporta, nel momento in cui cui potenzia e espande "le produzioni realizzate in Paesi 'low cost', Polonia e Turchia, e riduce in modo consistente la produzione in Italia". Il sindaco di Fabriano Giancarlo Sagramola ha invitato i colleghi a "tradurre velocemente il documento in un ordine del giorno da far approvare in tutti i consigli comunali. Stare insieme - ha sostenuto - ci può dare la forza giusta per confrontarci con l'azienda e dare un messaggio forte anche al Governo nazionale". Il piano, hanno commentato alcuni sindacalisti, "ha scioccato tutti, ci ha colto di sorpresa, e questo ci ha fatto commettere qualche errore. Ma da oggi dobbiamo parlare tutti una sola lingua". E' arrivato anche un messaggio del vescovo di Fabriano e Matelica, mons. Giancarlo Vecerrica: "Occorre che si sappia con grande chiarezza cosa sta accadendo e quelle che sono le intenzioni delle aziende in questo territorio: devono restituire ciò che hanno ricevuto in tutti questi anni".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fonte (ANSA)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in mare, malore mentre si trova in acqua: muore un 69enne

  • Addio Tiziana, sconfitta da un male spietato: una vita dedicata al suo ristorante

  • Ladri scatenati, scappano con oro e Rolex: i residenti scendono in strada armati

  • Racconto-choc di una bimba in spiaggia: «Volevano rapirmi». Indagini in corso

  • Crolla una parte del controsoffitto dopo il temporale, la palestra chiude

  • CRN, consegnato al suo armatore il nuovo mega yacht da 62 metri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento