Un marchigiano su quattro con la bionda in bocca, scatta il divieto anche all’aperto

Approvata all'unanimità dal consiglio regionale. Marconi, Udc-Popolari: «Non si fumerà più davanti le porte degli ospedali»

la lotta al fumo si inasprisce

Punta alla riduzione dei fumatori, alla tutela dell'ambiente e di chi non fuma la proposta di legge approvata oggi all'unanimità dall'Assemblea legislativa. Lo evidenzia il capogruppo Udc-Popolari Marche, Luca Marconi, relatore di maggioranza del testo legislativo. Con il piano regionale triennale per la lotta al tabagismo introdotto dalla normativa verranno individuate misure finalizzate alla prevenzione, all'assistenza a chi intende smettere di fumare e alla tutela dei non fumatori e dell'ambiente attraverso interventi rivolti alla protezione dei luoghi pubblici e di aggregazione dai rifiuti prodotti da chi fuma. 

«In particolare la legge prevede – prosegue Marconi - la creazione di centri antifumo per accogliere i fumatori virtuosi che vogliono smettere. Scatta, inoltre, il divieto di fumo nei luoghi all'aperto prossimi agli ingressi delle strutture sanitarie, come gli ospedali, ambulatori residente protette, e una forte azione di prevenzione verrà fatta non solo nelle solite scuole, ma soprattutto presso le famiglie e gli adulti, perché diventino testimoni virtuosi dell'antitabagismo presso i giovani e in particolare i loro figli». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I dati regionali

Nelle Marche, secondo i dati del Sistema di Sorveglianza Passi per il periodo 2014-2017, una persona su quattro fuma (23,7%). Organizzazione mondiale della Sanità segnala che il fumo di tabacco è la prima causa evitabile di morte prematura nel mondo. Ogni anno sono 6 milioni le persone che muoiono per malattie legate al fumo di sigaretta, mentre il fumo passivo causa il decesso di oltre 600 mila non fumatori. Secondo i dati forniti dal Ministero della Salute, si stima che in Italia il fumo provochi da 70 mila a 83 mila morti all’anno. La fascia d’età con la più alta percentuale di fumatori in Italia, così come nelle Marche, è quella compresa tra i 25-44 anni, il 33,7% uomini mentre per il 24,1% si tratta di donne.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Folle corsa per la città, tra speronamenti e sorpassi: l'inseguimento e poi l'incidente

  • Il vento della protesta arriva anche ad Ancona

  • Contagio in aula, allarme in una scuola dell'infanzia: scatta la quarantena per i bimbi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento