Cronaca Ponterosso / Piazza Salvo D'Acquisto

Disoccupata da 10 anni, si incatena davanti al Centro per l'Impiego: «Voglio la mia dignità»

«Voglio un lavoro compatibile con i miei problemi di salute, ho tre figli, un ex marito disoccupato ed è mia madre di 75anni che mi permette di pagare le bollette» ci ha raccontato Donatella

La donna incatenata davanti al centro per l'impiego di Ancona

Una vita da parrucchiera a Palombina nuova. Quell’attività era stata la sua passione dai 13 ai 40 anni. L’amava, la svolgeva con passione e a 21 anni aveva già un suo salone. Ma quel lavoro la stava lentamente usurando e così sono arrivati i primi dolori alla spalla sinistra e al collo. Quelle fitte sono diventati problemi sempre più seri e nel 2007 Donatella, questo il suo nome, ha dovuto chiudere i battenti. Da allora è cominciato il calvario che stamattina l’ha portata a incatenarsi a una balaustra di piazza Salvo D’Aquisto, proprio di fronte al Centro per l’Impiego.

«Voglio un lavoro compatibile con i miei problemi di salute, anche part-time – chiede la donna - ho tre figli, un ex marito disoccupato ed è mia madre di 75anni che mi permette di pagare le bollette». Donatella è seduta sotto il porticato. La caviglia destra è legata al balcone con un filo giallo e rosso. Ha una bottiglia d’acqua, uno zaino con un faldone di documenti e un sacco a pelo che lascia intendere una cosa chiara: non ha intenzione di muoversi da li finché non avrà una risposta. «Quanto resterò? Non lo so, credo stavolta di aver fatto un bel casino, ma questo è il primo passo, sono disposta a tutto». In realtà una risposta ce l’aveva avuta stamattina, ma lei stessa la considera irricevibile perché dopo 4 anni di iscrizione nelle liste di collocamento si è sentita proporre un lavoro in albergo. «Come faccio? Avrei dovuto alzare pesi e con le condizioni della mia spalla non posso farlo» ha detto Donatella che ha poi elencato i suoi problemi di salute, fronteggiati anche con interventi chirurgici: «Sei discopatie, problemi alla cuffia e al rotatore, mi hanno ricucito due tendini sfilacciati, mi hanno tolto l’acqua alla spalla destra. Tutti problemi dovuti all’usura del mio lavoro che non è riconosciuto come lavoro pesante. Ho sempre pagato regolarmente i contributi all’Inps che mi ha riconosciuto un’invalidità del 46% per entrare nelle liste speciali. Poi, dopo 4 anni che vengo al Centro per l’Impiego, mi è sempre stato risposto che non c’era nulla». Il tutto mentre lei lavorava nei ristoranti come aiuto cuoca pagata 3 euro l’ora, le bollette pagate dalla madre e la sfortuna, se così la si vuole chiamare, di essere proprietaria di una casa e mezzo perché «così ho un reddito di proprietà che supera i 20mila euro l’anno e per lo Stato non ho diritto a nulla. Sono italiana evidentemente l’italiano non ha diritto a niente su queste cose» conclude con amarezza. L’ultimo colloquio negli uffici di Ponterosso lo ha sostenuto proprio oggi. E’ lei stessa a raccontare il botta e risposta. «Un lavoro c’è» ha detto l’impiegata. La speranza si è accesa e smorzata in pochi secondi. «Potrebbe pulire delle camere in un albergo». Il volto di Donatella è tornato tirato. «Fare le camere significa sollevare pesi da tirare su e nelle liste speciali non è contemplato questo lavoro, io non posso accettare. Questa volta mi ci incateno qui davanti, lo giuro». e l’impiegata avrebbe risposto: «Signora, tanto ce lo ha già detto altre volte». Già, ma stavolta Donatella la promessa l’ha mantenuta davvero.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Disoccupata da 10 anni, si incatena davanti al Centro per l'Impiego: «Voglio la mia dignità»

AnconaToday è in caricamento