Martedì, 28 Settembre 2021
Cronaca Maiolati Spontini

Discoteca abusiva nel locale: mille giovani scoperti a ballare techno

La scoperta dopo una segnalazione alle forze dell'ordine. Attività chiusa e multa per il titolare

Discoteca abusiva in un locale di Maiolati Spontini, con dentro mille giovani che ballavano musica techno. E' quanto hanno scoperto i poliziotti della Polizia amministrativa, nell'ambito dei controlli disposti dalla questura. A far partire i controlli è stata una segnalazione arrivata al commissariato di Jesi. Secondo quanto ricosturito dalle forze dell'ordine, i giovani ballavano in uno spazio ristretto in barba alle restrizioni anti-covid. Per il titolare è scattata la sanzione di 400 euro e la chiusura dell'attività per 5 giorni. 

I precedenti

Negli ultimi tre mesi la Squadra Amministrativa e di Sicurezza della Divisione Pasi, su disposizione del Questore di Ancona, in sinergia con i Poliziotti dei Commissariati Ps della provincia e personale delle altre forze di Polizia, ha effettuato, nel periodo maggio-luglio 2021, 40 controlli amministrativi, provvedendo alla chiusura per 5 giorni, per il mancato rispetto della normativa Anticovid di  4 locali, in cui era stata accertata la presenza massiccia di giovani che ballavano riempiendo la sala e non facendo uso di mascherina protettiva. Ventuno le sanzioni amministrative comminate a soggetti  che non facevano uso di protezioni individuali anti-covid, mentre invece i quattro Commissariati Ps della provincia hanno elevato complessivamente nr. 43 sanzioni della stessa tipologia. 
Inoltre, due locali sono stati chiusi ad Ancona in collaborazione con la Polizia locale (uno nel quartiere Baraccola ed uno stabilimento balneare di Palombina) perché i rispettivi titolari operavano senza alcuna licenza/autorizzazione. Il Questore di Ancona, in base a mirati controlli di Polizia amministrativa, sempre nel periodo sopra considerato, ha inoltre disposto la chiusura di tre esercizi pubblici ex art. 100 TULPS (due a Jesi – uno su proposta redatta dai Carabinieri di quel centro- e uno a Senigallia) perché l’attività dei pubblici esercizi  è stata ritenuta mettere a rischio l’ordine e la sicurezza pubblica, o perché i locali erano ritrovo di soggetti pregiudicati o perché veniva somministrato alcol a minori.  Sempre a luglio sono stati contravvenzionati (pagamento della somma di euro 516 euro) i titolari di due locali siti in Piazza del Plebiscito per la diffusione di musica ad alto volume nonostante fosse stato superato il limite orario per le emissioni sonore, fissato dal Comune di ancona alle ore 24.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Discoteca abusiva nel locale: mille giovani scoperti a ballare techno

AnconaToday è in caricamento