Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca Stazione / Via Berti Rodolfo

“Ecco il degrado di via Berti”: la parola ai residenti

Buche, sporcizia, scarsi parcheggi, vandali e vagabondi. Questi, secondo i residenti, i problemi di una storica via lasciata "ai margini" di Ancona

“Una via abbandonata a se stessa e ai suoi residenti”. Così gli abitanti di via Rodolfo Berti, il vicolo dove campeggia la storica sede del Corriere Adriatico, descrivono la via, alle prese ormai da tempo con il degrado dilagante. Nel mirino dei residenti il manto stradale, ma anche sporcizia e parcheggi.
“L’asfalto cade a pezzi, è pieno di buche – commenta Argenta Zoppi, storica residente della via -  Da quando abito qui, ovvero da più di 40 anni, il manto stradale non è mai stato rifatto”.

Tra i problemi lamentati dai residenti anche la scarsa pulizia. “Qui gli spazzini passano raramente e il risultato è sotto gli occhi di tutti”, dichiara Gianni Giombini, da 10 anni residente in via Berti. I cittadini lamentano anche gli scarsi controlli da parte di polizia municipale e carabinieri su un vicolo cieco  “trafficato”, soprattutto di notte, da vagabondi che bivaccano tra le auto in sosta e nella piazzetta antistante la chiesetta, ma anche da tossicodipendenti in  cerca  di un “nascondiglio”  o da “giovani ubriachi che per fare baldoria si lanciano in qualche atto vandalico, danneggiando le auto in sosta”, commenta il sig. Giombini.
“Si tratta di una via chiusa e poco controllata. Per questo è diventato un ottimo rifugio notturno per episodici vandalici o vagabondaggi”, lamentano i cittadini.



Tra i problemi segnalati dagli abitanti anche quello relativo ai parcheggi: “Parcheggiare lungo la via è praticamente impossibile”. Colpa della vicinanza alla stazione, spiega Giombini: “i parcheggi sono litigati perché occupati da chi frequenta la stazione e i residenti sono obbligati a parcheggiare altrove”.
“Capita addirittura che alcuni vengano a parcheggiare il venerdì per poi ripartire il lunedì” commenta Argenta Zoppi.
Oltre all’invasione delle auto provenienti dalla stazione non manca nemmeno chi, tra i residenti, lamenta anche la presenza troppo “ingombrante” del Corriere Adriatico: “il giornale è diventato padrone della strada. Hanno transennato i posti a loro riservati per non renderli fruibili ai residenti, eppure loro occupano quotidianamente molti delle aree a noi disponibili”, commenta un residente.
Quando piove poi in via Berti il disagio aumenta: “ abitiamo proprio sotto un muro di terra pericolante e a rischio frana – commenta il sig. Giombini -  Quando piove siamo inondati da una valanga di acqua e fango”.
Infine, anche l’integrazione in via Berti, per qualcuno, è un problema.
In un quartiere dove cresce tra i residenti il numero di extracomunitari c’è chi lamenta una scarsa collaborazione tra coinquilini italiani ed immigrati. Rapporti di buon vicinato a parte, rimane il dato di fatto: in alcuni civici, racconta uno dei residenti  “Su 10 famiglie 8 sono straniere”.

Silvia Barchiesi
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Ecco il degrado di via Berti”: la parola ai residenti

AnconaToday è in caricamento