rotate-mobile
Cronaca Sappanico / Frazione Sappanico

La Befana lascia il carbone per il Comune: «I ruderi sono ancora lì»

L’associazione Anti Degrado è partita da Sappanico per portare simbolicamente lo scontento all’amministrazione della sindaca Valeria Mancinelli

ANCONA - Anche quest’anno niente dolci nel calzetto della befana del Comune. Fabio Mecarelli e Paolo Baggetta, dell’associazione Anti Degrado, ieri pomeriggio sono partiti da Sappanico mascherati da Befana e con la scopa in mano per tenere alta l’attenzione sulla frazione dove «i ruderi sono ancora lì - dice Mecarelli - quindi il Comune si merita solo carbone». Sono ormai 11 anni che le macerie regnano sovrane nell’incrocio semaforico. Anche la palazzina di proprietà comunale non è stata ancora interamente demolita per lasciare posto al parcheggio. Baggetta e Mecarelli hanno consegnato caramelle ai bambini di Sappanico. Una visita è stata fatta anche ad Adria Ferrucci, la vedova che ha atteso due anni per tumulare il marito morto al cimitero di Gallignano perché non c’erano loculi liberi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Befana lascia il carbone per il Comune: «I ruderi sono ancora lì»

AnconaToday è in caricamento