DAI LETTORI. Via Fabriano: sterpaglie e immondizia nel parco giochi

Riceviamo e pubblichiamo la segnalazione di un lettore sulla situazione di degrado in cui versa un'area verde destinata ai bambini in via Fabriano, aggravata in seguito alle nevicate di febbraio

Riceviamo e pubblichiamo la segnalazione di un lettore sulla situazione di degrado in cui versa un'area verde destinata ai bambini in via Fabriano

“In via Fabriano, proprio sotto piazzale Camerino, le nevicate del dicembre 2010 dello scorso febbraio (come dovunque, del resto) hanno creato diversi disagi, tra alberi caduti e rami disseminati in giro. Qui c’è un’ampia area verde con scivoli e altalene per i bambini e tanto di cartello che consente l'accesso con cani al guinzaglio. Nel 2010 caddero alcuni grossi alberi e la situazione fu sistemata in tempi rapidissimi a emergenza finita.

Il maltempo di febbraio invece ha fatto cadere “solo” diversi rami di grosse dimensioni nel parco giochi, ma nessuno di questi rami a tutt’oggi è stato rimosso, sono semplicemente stati ammucchiati insieme al relativo fogliame. Inoltre durante l’emergenza maltempo è stato buttato di tutto nei mucchi di neve, e dopo il disgelo sono apparsi sacchetti di immondizia e rifiuti di vario genere. Infine la zona è visitata di quando in quando da alcuni senzatetto, che la usano per bivaccare.
L’area verde non è comunque oggetto di cure speciali, in pratica viene tosata l’erba due o tre volte l’anno, con buona pace della sporcizia presente. Ora la zona, fra rami, sterpaglie e immondizia, è quasi inaccessibile.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

  • «Democrazia sospesa dai Dpcm, ora querele contro chi li applica: polizia e sindaci»

Torna su
AnconaToday è in caricamento