menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Ampliamento del cimitero, stop ai lavori dopo una settimana dall’avvio 

Sono durati una settimana i lavori di ampliamento del cimitero di Gallignano, atteso da tempo dai residenti. In consiglio comunale si è parlato anche del degrado di Taverenelle e non solo

Continua l’odissea per il cimitero di Gallignano, noto alle cronache locali anche per gli appelli di Adria Ferrucci. I lavori per l’ampliamento, tanto attesi dai residenti, sono iniziati il 21 ottobre per poi fermarsi sei giorni dopo. Il caso è stato portato all’attenzione del consiglio comunale dal capogruppo FdI Angelo Eliantonio: «Il cantiere è fermo e sul cartello, fino a ieri mattina, non c’era neppure scritto il riferimento dei progettisti. Quando finiranno questi lavori?» A rispondere è stato l’assessore ai lavori pubblici, Paolo Manarini: «I lavori sono iniziati, ma quando la ditta si è trovata a dover eseguire uno scavo per realizzare una fondazione ha trovato una conduttura elettrica che ora va spostata- ha spiegato Manarini- l’Enel deve prima spostare la conduttura e poi si riprenderanno i lavori. I tempi dell’intervento sono stati previsti nel contratto per 100 giorni, scadranno il 29 gennaio ma è evidente che con questo imprevisto e con l’avvicinarsi dell’inverno dovranno essere sospesi. Credo e penso che finiremo tutto entro febbraio o marzo». Manarini ha spiegato che con una modifica del progetto ci sarà posto per 30 loculi rispetto ai 25 previsti. 

Il tema dei cimiteri è stato affrontato anche da Lorella Schiavoni (M5S), con particolare riferimento a Tavernelle, Pinocchio e Posatora: «Lo stato strutturale e manutentivo di questi cimiteri è pietoso» ha detto la Schiavoni, con riferimento alle barriere architettoniche per il bagno disabili di Tavernelle (GUARDA IL VIDEO). «L’ufficio edilizia cimiteriale sta completando il progetto esecutivo per le manutenzioni all’interno dei 13 cimiteri cittadini- ha spiegato l’assessore alle manutenzioni Stefano Foresi- Il progetto definitivo è stato approvato in giunta e il mutuo della prima annualità è già stato contratto. Il bando di gara sarà pubblicato entro l’anno». Pronta la replica: «Tutto qui? Non è specificato nulla, i cimiteri sono diventati dei ruderi» ha concluso la Schiavoni. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rione Pinocchio, perché si chiama così? (La statua non c’entra)

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento