Cronaca

"Sagra dell'Uva di Cupramontana", focus sulla mappatura dei vigneti

Giovedì 1 ottobre presentazione dei risultati dell'analisi territoriale: individuate sei zone con caratteristiche peculiari che saranno presentate attraverso una degustazione guidata. Ecco tutte le informazioni

CUPRAMONTANA - E’ iniziato il conto alla rovescia per la 78esima edizione della Sagra dell’Uva di Cupramontana, che dall’1 al 4 ottobre riunirà nella capitale del Verdicchio migliaia di wine lover provenienti da tutta Italia per un lungo week-end di eventi, degustazioni, incontri e riti della tradizione. Ad aprire la manifestazione giovedì 1° ottobre, alle ore 18, sarà la presentazione dei risultati del lungo lavoro di mappatura delle zone vinicole di Cupramontana realizzato nell’ambito del percorso quinquennale di valorizzazione del Verdicchio portato avanti dall’amministrazione locale. Calice in mano, nelle Grotte del Monastero di Santa Caterina (via Leopardi), Francesco Quercetti (coordinatore della guida Slow Wine per le Marche) e Maurizio Silvestri (scrittore ed esperto di enogastronomia) proporranno in degustazione due batterie di Verdicchio letti attraverso le sei diverse zone di produzione individuate all’interno del territorio comunale, unite da una chiara identità territoriale e distinte per peculiarità ambientali e climatiche che caratterizzano il profilo organolettico dei vini prodotti. La partecipazione all’incontro è gratuita fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Il lavoro di mappatura delle zone vitivinicole di Cupramontana è il primo passo per la nascita della locale Strada dei vini e dei sapori progettata per stimolare il turismo enogastronomico in una terra già meta di tanti appassionati del buon cibo e del buon vino e in cui si trova il Museo Internazionale dell’Etichetta del Vino.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sagra dell'Uva di Cupramontana", focus sulla mappatura dei vigneti

AnconaToday è in caricamento