In fila alle Poste per pagare la Tari, investito da una pioggia di calcinacci

Il crollo improvviso dal soffitto ha mandato all'ospedale un pensionato, soccorso dalla Croce Gialla

Foto d'archivio

Piovono calcinacci sulla testa di un pensionato, in fila alle Poste. E’ finito al pronto soccorso con un trauma cranico, ma poteva andargli molto peggio perché fortunatamente i pezzi più grossi di cemento non lo hanno colpito.

E’ accaduto questa mattina, attorno alle 11, nell’ufficio postale dello scalo Vittorio Emanuele, in piazza della Repubblica, vicino al palazzo della Rai. Il 76enne anconetano era in fila per pagare la Tari, in attesa del suo turno, quando improvvisamente dal soffitto si sono staccati alcuni pezzi di muratura e di intonaco. Alcuni calcinacci lo hanno colpito alla testa, ferendolo. Subito il personale in servizio ha allertato i soccorsi. Sul posto è intervenuto il 118 con un’ambulanza della Croce Gialla che ha medicato il paziente e l’ha trasferito al pronto soccorso di Torrette in codice giallo. Si indaga sulle ragioni del crollo che, fortunatamente, non ha coinvolto altri utenti. L’ufficio postale è temporaneamente chiuso

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La malattia ha spento il sorriso di Carlo Termentini, lutto nell’imprenditoria

  • Assiste all'esordio del figlio con l'Ascoli e poi si ricovera, la tenera lettera in ricordo di Roberto

  • Schianto terribile a Posatora, tenta di evitare un gatto e si ribalta: è grave

  • Vedere il figlio nel calcio professionistico, il sogno di papà Roberto si realizza prima di arrendersi alla malattia

  • Esce dal reparto di ortopedia e finisce direttamente al Pronto Soccorso

  • Le Marche dicono no al 5G, approvata la mozione dei Verdi: «Rischi per l'uomo»

Torna su
AnconaToday è in caricamento