Ponte crollato, documenti da recuperare sotto le macerie della A14

Una parte della documentazione era in un mezzo rimasto coinvolto nel crollo. La Procura vuole accertare la catena di responsabilità. Si indaga per omicidio colposo plurimo

il pm Irene Bilotta durante il sopralluogo in autostrada

Come è possibile che un lavoro considerato di routine si trasformi nella catastrofe di un intero cavalcavia che piomba sull'autostrada aperta e con il traffico veicolare? È quello che vuole accertare la Procura di Ancona che ha aperto un fascicolo d'indagine ipotizzando il reato di omicidio plurimo colposo. A capo di chi? Ignoti, al momento. Il pm Irene Bilotta, titolare dell'inchiesta, vuole accertare la catena di responsabilità tra appalti e subappalti. La Delabech srl di Roma lavorava a un subappalto per la Pavimental, società interamente controllata da Autostrade per l'Italia ma ci sarebbe anche una terza ditta coinvolta. Per capire chi faceva cosa e le rispettive responsabilità è stata sequestrata tutta la documentazione di cantiere e i progetti inerenti. Una parte di essi è da recuperare all'interno di un mezzo rimasto schiacciato dal cavalcavia piombato sull'A14. 

Sequestrate anche le attrezzature e va inoltre verificato il tempo trascorso tra il sollevamento del ponte e il crollo. La perizia tecnica, affidata a un ingegnere, docente universitario, che dovrà consegnare la sua relazione entro un massimo di 60 giorni. Errore umano o cedimenti dei martinetti che sollevavano il cavalcavia in attesa di sopraelevazione rispetto al piano stradale dopo la realizzazione della terza corsia. In attesa di riscontri anche le dichiarazioni di Autostrade per l'Italia secondo le quali il tragico schianto costato la vita ai coniugi Diomede (per i quali è stata disposta l'autopsia) si è trattato di "un tragico incidente non prevedibile" determinato "dal cedimento di pile provvisorie". Sempre la società che gestisce la Adriatica ha fatto sapere d'aver chiesto "con estrema urgenza alle aziende che hanno progettato ed eseguito i lavori una relazione dettagliata su quanto accaduto, per accertare eventuali errori umani e valutare possibili azioni a tutela". Parallela, l'attività ispettiva messa in piedi dal Ministero dei Trasporti.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

Torna su
AnconaToday è in caricamento