Cronaca

“Violata”: il critico d’arte Armando Ginesi difende l’opera (e l’artista)

Interpellato dalla Commissione Pari opportunità ha difeso la statua: "Ippoliti ha voluto esprimere lo stato di una donna che, dopo l'oltraggio, non piange su se stessa, ma che riacquista dignità e fierezza"

Il critico d'arte Armando Ginesi, richiesto di un parere dalla Commissione Pari opportunità (che ha sponsorizzato l'opera), difende l'opera di Floriano Ippoliti 'Violata', al centro di numerose polemiche per come l'artista ha interpretato il tema. ''Ippoliti - dice Ginesi - ha voluto esprimere lo stato di una donna che, dopo l'oltraggio, non piange su se stessa, è una vittima che rifiuta di essere tale, che vuole riacquistare (e riacquista) dignità e fierezza'' .

MATARAZZO. Anche Giovanni Matarazzo, uno dei candidati della lista civica La Tua Ancona, era intervenuto con un comunicato stampa a difesa dell’artista (Leggi il Comunicato integrale) dicendo fra le altre cose: “Propongo che le donne che non si riconoscono in questa scultura decidano che farne. Che si riuniscano nell'agorà in assemblea, e con la democraticità che la nostra cultura ha conquistato a fatica nei secoli, ne decidano la sorte.
Ma che invitino anche Floriano Ippoliti ad ascoltare le loro ragioni, senza insultarlo, senza annientarlo.
[…] Diversamente, da una violenza subìta si rischia di ripagare con la stessa violenza: l'annullamento di un uomo nella sua essenza più profonda e in quello per cui ha speso tutta la sua vita."

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Violata”: il critico d’arte Armando Ginesi difende l’opera (e l’artista)

AnconaToday è in caricamento