rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Cronaca

Test rapidi Covid-19, ecco le regole per farli da medico di base e pediatra

Ecco alcune 'istruzioni per l'uso' per l'esecuzione dei test antigenici rapidi dal medico di famiglia o dal pediatra

Dai locali 'dedicati' al ricambio di aria nelle stanze, alle regole per l'accesso negli ambulatori fino alle precauzioni anti-contagio e alla sanificazione. Ecco alcune 'istruzioni per l'uso' per l'esecuzione dei test antigenici rapidi dal medico di famiglia o dal pediatra. A dettare alcune importanti raccomandazioni è una nota tecnica realizzata dall'Istituto superiore di Sanità, in collaborazione con il ministero della salute, la Fnomceo (Federazione nazionale degli Ordini dei Medici) e l'Inail, e online da oggi sul sito dell'Iss.

Tra le principali raccomandazioni, si chiede di: esporre un avviso all'ingresso dello studio con chiare istruzioni sulle modalità di accesso, stabilendo rigorosi percorsi di entrata, di attesa e di uscita e specificando giorni e orari in cui si prevede l'esecuzione del test antigenico rapido, e solo su appuntamento. Utilizzare un locale dedicato, con una buona aerazione e che non sia di passaggio. Eseguire i tamponi preferibilmente al termine dell'attività ordinaria per evitare il contatto tra soggetti con possibile infezione da Sars-CoV-2 e chi accede allo studio per altri motivi; sanificare le superfici tra un prelievo e l'altro ed evitare ogni forma di assembramento dei pazienti. «Abbiamo voluto contribuire fattivamente alla sicurezza degli operatori sanitari e dei cittadini con un documento agile e operativo che possa rispondere ai dubbi dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta chiamati a contribuire fattivamente in questo momento di grande richiesta di test diagnostici», dichiara Paolo D'Ancona, ricercatore del Dipartimento di Malattie infettive dell'Iss.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Test rapidi Covid-19, ecco le regole per farli da medico di base e pediatra

AnconaToday è in caricamento