Il Presidente Luca Ceriscioli in quarantena

La misura preventiva è scattata in automatico dopo la notizia della positività di Guido Bertolaso

Luca Ceriscioli

Il Presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli è in stato di quarantena. La misura preventiva è scattata in automatico dopo la notizia della positività di Guido Bertolaso, con il quale ieri il numero 1 delle Marche ha lavorato tutto il giorno, effettuando una serie di sopralluoghi ad Ancona per trovare la giusta location per l’ospedale di emergenza delle Marche anti Coronavirus. Ceriscioli è dunque in attesa di un riscontro dall’Asur territoriale per avere aggiornamenti sulle proprie condizioni di salute. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Sto aspettando la comunicazione ufficiale ma la quarantena credo sia inevitabile». Cosi' alla Dire il presidente della Regione Marche. «Immagino che ora Bertolaso comunicherà tutti i contatti avuti negli ultimi giorni alle strutture sanitarie che a quel punto mi contatteranno formalmente per chiedermi di mettermi in isolamento fiduciario domiciliare a scopo precauzionale. Io ora sono in ufficio in Regione e da quando ho appreso la notizia di Bertolaso ho evitato ogni contatto. Appena possibile inizierò ad organizzarmi in modalità smart working. Da questo punto di vista penso di poter continuare a lavorare senza particolari problemi. Mi sistemerò nella stanza di mio figlio. Mi sento bene, non ho sintomi come tosse o febbre. Ieri avevamo le mascherine e rispettavamo le distanze. Sono tranquillo. Ma credo che la quarantena sia inevitabile». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

  • La sindaca riapre le scuole, ma il Savoia-Benincasa non ci sta: «Noi restiamo chiusi»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento