Coldiretti Marche: arriva il patto per sostenere il Made in Italy

L'emergenza Coronavirus si affronta facendo rete. Agricoltori, allevatori, vivaisti e tutte le altre componenti dell’agroalimentare regionale sono ogni giorno ancora al lavoro per garantire cibo sicuro

Un patto tra tutti gli attori dell’agroalimentare per affrontare l’emergenza Coronavirus. Una vera e propria alleanza salva spesa Made in Italy che vede impegnati agricoltori, industrie alimentari e distribuzione commerciale delle Marche per garantire regolarità delle forniture alimentari ai cittadini e a combattere qualsiasi forma di speculazione sul cibo dai campi alle tavole.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’iniziativa è stata promossa da Coldiretti e Filiera Italia insieme ai grandi gruppi della distribuzione commerciale.«La filiera alimentare – sottolinea Maria Letizia Gardoni, presidente di Coldiretti Marche - sta dimostrando di essere la spina dorsale della nostra società, continuando a garantire i beni di prima necessità per tutte le famiglie marchigiane ed italiane. Agricoltori, allevatori, vivaisti e tutte le altre componenti dell’agroalimentare regionale sono ogni giorno ancora al lavoro per garantire cibo sicuro, presidio del territorio e cura del paesaggio di cui ci auguriamo torneremo presto a goderne tutti. Il modo migliore per ringraziare tutte queste persone del loro sacrificio e forte senso di responsabilità è uno solo: ogni volta che puoi chiedi, compra, trasforma, distribuisci prodotto locale». La richiesta al Governo e alle autorità pubbliche è di sostenere il settore nel lavoro di rifornire gli italiani dei beni essenziali, con provvedimenti semplici e chiari che permettano con la massima sicurezza possibile la continuità della raccolta, della produzione, della trasformazione e della distribuzione dei prodotti di largo consumo. «Noi – si legge nell’appello di Coldiretti a cittadini e Istituzioni - dal canto nostro faremo la nostra parte vigilando insieme per premiare e valorizzare chi lungo la filiera adotti pratiche commerciali corrette e trasparenti. Escludendo e denunciando chiunque possa pensare in un momento così delicato di speculare o approfittare di situazioni di carenza o di eccesso di prodotto abbassando il prezzo ingiustificatamente sui prodotti più richiesti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali, il nuovo presidente della Regione è Francesco Acquaroli - LA DIRETTA

  • «Non faccio sesso da 2 anni», donna lo urla ed arrivano decine di persone

  • Abusi sessuali su un'alunna, maestro allontanato dalla scuola: la verità nei suoi diari

  • «Con quella mascherina nera non può votare»: avvocatessa respinta dal seggio

  • Schianto con il camper, Luca non ce l'ha fatta: è morto dopo 5 giorni di agonia

  • Va a votare, viene presa a calci e pugni da uno sconosciuto: choc al seggio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento