Mense scolastiche, appello per le lavoratrici: «Serve proroga degli ammortizzatori sociali»

I sindacati chiedono la proroga perché, spiegano, questa categoria è stata tra le prime a fermarsi a causa delle misure anti-Coronavirus

Cgil, Cisl e Uil prendono posizione compatta sulla questione degli ammortizzatori sociali per le lavoratrici delle mense scolastiche. La richiesta, all’unisono e diffusa tramite nota stampa, è quella di una proroga. «Sono centinaia nelle Marche, lavoratrici e lavoratori delle mense scolastiche ed universitarie, cuoche ed addette mensa, che svolgono un servizio pubblico essenziale preparando e distribuendo pasti nelle scuole per le bambine, i bambini e gli studenti universitari della nostra regione. Servizi che sono esternalizzati ad aziende private attraverso il sistema degli appalti. Queste lavoratrici sono state fra le prime ad essersi fermate a causa dell’emergenza sanitaria del Covid-19, le prime ad aver subito la perdita di parte del proprio salario e le prime per le quali le 9 settimane di ammortizzatori sociali, previste dal “Decreto cura Italia”, non saranno sufficienti a coprire il periodo di chiusura delle scuole e università. Sono lavoratrici con part-time involontari, anche di pochissime ore a settimana, per le quali spesso quello stipendio è l’unica fonte di reddito familiare, che vedono i propri contratti di lavoro “congelati” nel periodo di chiusura delle scuole, senza retribuzione e senza contribuzione. Situazione ulteriormente aggravata dall’emergenza sanitaria e delle incognite sulla ripresa dell’anno scolastico. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«La maggior parte delle lavoratrici è in attesa del pagamento, da parte dell’Inps, degli ammortizzatori sociali poiché molte aziende non hanno accettato la richiesta avanzata dalle organizzazioni sindacali di anticipare tali importi, venendo meno anche ad un ruolo di rilevanza sociale che le stesse hanno, soprattutto in un momento così complesso sotto vari aspetti. Chiediamo alle amministrazioni comunali, per tramite dell’ Anci, ed alla Regione Marche di farsi portavoce presso il Governo affinché vi siano risposte celeri e concrete per la proroga degli ammortizzatori sociali al fine di tutelare le numerose lavoratrici occupate nel comparto». 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Abusi sessuali su un'alunna, maestro allontanato dalla scuola: la verità nei suoi diari

  • «Non faccio sesso da 2 anni», donna lo urla ed arrivano decine di persone

  • «Con quella mascherina nera non può votare»: avvocatessa respinta dal seggio

  • Schianto con il camper, Luca non ce l'ha fatta: è morto dopo 5 giorni di agonia

  • Dagli show al semaforo, al grattino da 300mila euro: la sliding door di Tiziano

  • Va a votare, viene presa a calci e pugni da uno sconosciuto: choc al seggio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento