menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La manifestazione_FOTO RADIO INCONTRO PESARO

La manifestazione_FOTO RADIO INCONTRO PESARO

Primo focolaio di proteste nelle Marche, ristoratori e commercianti in piazza

Migliaia di persone sono scese in piazza a Pesaro contro l'ultimo Dpcm. Blitz nella polizia in un ristorante aperto per protesta

La prima piazza marchigiana a esplodere nella protesta, seppur pacifica, contro l’ultimo decreto del Governo è quella di Pesaro. Migliaia di persone si sono ritrovate ieri sera in piazza del Popolo per manifestare contro la chiusura anticipata degli esercizi di ristorazione e contro lo stop di palestre e piscine. “Nessuno chiuderà, le Marche sono in ginocchio” si legge in uno dei tanti striscioni, in un altro c’è scritto “Se chiudiamo oggi chiudiamo per sempre” e un altro riporta la scritta: “Non siamo untori”. Chi è sceso in piazza non ci sta ad essere definito come il titolare di un’attività “non essenziale” ed ecco perché qualche ristorante, come atto di protesta, è rimasto aperto dopo la manifestazione sfidando la nuova normativa. Ai giornalisti presenti i ristoratori hanno rimarcato il fatto di essere disponibili a rispettare i protocolli: «Purché siano accettabili». In piazza c’erano anche altri commercianti e dipendenti statali. 

Intorno alle 20,30 la polizia ha effettuato un blitz in al ristorante “La Macelleria”, rimasto aperto per protesta (GUARDA IL VIDEO). Dentro c’erano circa 90 persone a cena. «Non posso farvi entrare, il locale è già pieno» ha risposto il ristoratore ai poliziotti, in un dialogo proseguito con dei botta e risposta. «C’è un decreto, dovete chiudere alle 18» ha ribadito l’agente. «Stiamo rispettando tutte le normative, il decreto è incostituzionale- ha replicato il ristoratore- dentro c’è gente che sta mangiando, se ne andranno quando avranno terminato la cena». La vicenda ha richiamato l’attenzione anche del sindaco Matteo Ricci: «Il ristorante La Macelleria è stato chiuso per diversi giorni e sono in valutazione del Questore e del Prefetto penalità pesanti- ha scritto il primo cittadino sulla sua pagina Facebook- ringrazio le Forze dell’Ordine e la Polizia Municipale per l’intervento immediato e intelligente. Dobbiamo sconfiggere il virus e la crisi economica con equilibrio. È legittimo protestare e alzare la voce, ma sono inacettabili pagliacciate pericolose contro la legge. Iincontreremo le delegazioni serie delle varie categorie che hanno manifestato in piazza». 


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rione Pinocchio, perché si chiama così? (La statua non c’entra)

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento