Fondi per il Carlo Urbani, l'ImpAct raccoglie oltre 27mila euro: «Si può donare ancora»

L'associazione culturale ha reso noto la cifra raccolta tramite GoFundMe, che sarà interamente devoluta al sostegno dell'ospedale jesino

L'ospedale Carlo Urbani

Si conclude la raccolta fondi promossa dall’Associazione culturale ImpAct a favore dell'ospedale Carlo Urbani. La raccolta, promossa attraverso la piattaforma GoFundMe a partire da martedì 10 marzo, ha permesso di raccogliere, grazie al generoso contributo di tantissimi singoli cittadini e delle associazioni del territorio, la somma di 27.368,91 euro.

«Siamo felici di annunciare che, grazie all’intervento del Direttore di Area Vasta 2 Dott. Guidi, l’intero importo raccolto per l’Ospedale Carlo Urbani di Jesi è stato interamente devoluto all'Area Vasta, di cui fa parte il presidio ospedaliero nella nostra città, il Carlo Urbani -  si legge in una nota dell'ImpAct- siamo dispiaciuti del ritardo con il quale notifichiamo questo traguardo, dato dai tempi burocratici previsti e dagli impedimenti tecnici riscontrati per la procedura di prelievo della somma dalla piattaforma GoFundMe, e ci teniamo a condividere, come pure avevamo promesso a chi aveva donato, la gioia di avercela fatta, rendendo noto che abbiamo impiegato ogni singolo giorno per poter trovare una soluzione quanto più celermente possibile data l’urgenza e la necessità che il nostro ospedale, e non solo, ha in questo momento a causa dell'emergenza, per la quale ha completamente stravolto il proprio assetto organizzativo.
Ringraziamo tutti i donatori, per il loro contributo e per la fiducia dimostrataci - prosegue la nota - questa somma che grazie a loro abbiamo raggiunto, destinata interamente all'emergenza Covid19, sarà molto utile per affrontare le problematiche in essere e quelle a venire dei vari reparti coinvolti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ringraziamo anche l'Assessora Quaglieri, il cui aiuto di fronte agli ostacoli riscontrati è stato prezioso, e il Dott. Colarizi dell’amministrazione Asur, che a livello tecnico ha seguito al nostro fianco la pratica di prelievo. Con la promozione di questa raccolta fondi ci siamo impegnati a dare anche noi, come associazione di giovani del territorio, un contributo concreto alla nostra comunità minacciata dall'emergenza. Siamo certi, nel piccolo, di esserci riusciti, e seguiremo tutti gli sviluppi, augurandoci che la nostra comunità, il nostro Paese e tutto il mondo possano uscire al più presto da questa drammatica situazione. Un grazie alla solidarietà e generosità di tutti di vero cuore. Teniamo ad aggiungere che si potrà continuare a donare per l’emergenza Coronavirus e per l’Asur Area Vasta 2, di cui fa parte per l’appunto anche il presidio ospedaliero jesino, all’IBAN IT 94 U 02008 02626 000105662445, pubblicato dall’azienda stessa tramite avviso pubblico, specificando nella causale “Liberalità Coronavirus AV2AN Asur"».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

  • Reparti Covid sold out a Torrette, scatta il blocco delle ferie per infermieri e Oss

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento