Cronaca

Aumenta l'esercito dei guariti, Ceriscioli: «Bene ma guai ad abbassare la guardia»

Il governatore regionale commenta i dati del Gores, con gli ospedali che si stanno via via alleggerendo: «Non è finita, la parola d'ordine è sicurezza»

Foto di repertorio

Continua ad aumentare il numero di chi ce l'ha fatta: in un giorno, 28 persone in più sono guarite o sono state dimesse dagli ospedali. L'esercito di chi ha sconfitto il Coronavirus nelle Marche sale da 1726 a 1754. A comunicarlo è il Gores che evidenzia anche come gli ospedali si stiano progressivamente svuotando: -41 ricoveri in un giorno, da 933 a 892. Nelle terapie intensive marchigiane ora ci sono 88 pazienti (-6). Nel giorno del record dei tamponi analizzati, poi, si abbassa drasticamente la percentuale dei contagi: solo il 4,1% dei campioni passato in esame ieri, venerdì 17 aprile, è risultato positivo. Sono 53 i nuovi contagi nelle Marche su un totale di 1283 tamponi analizzati. Dei 5721 infettati dal virus dall’inizio dell’emergenza sanitaria, 1702 risiedono nella provincia di Ancona dove i nuovi casi positivi sono stati 16 in un giorno. 

«La situazione è in migliramento, ma non dobbiamo abbassare la guardia - avverte il governatore regionale Luca Ceriscioli -. Per tutti vale la stessa parola d’ordine: sicurezza, che dobbiamo coniugare con la ripartenza e con la tutela della salute. Occorre continuare ad osservare, ovunque, tutte le misure per limitare il contagio e occorrerà farlo in modo molto accurato, su tutti i livelli, nella fase 2. Alcuni credono che da qui a poco sparirà il problema, ma invece l’andamento potrebbe essere ancora lungo, sicuramente con intensità diverse, ma che dovremo continuare a monitorare, prevenire e anche a curare. Per questo continuiamo ad impegnarci tutti, su tutti i fronti». 

IN ALLEGATO LA TABELLA COMPLETA 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aumenta l'esercito dei guariti, Ceriscioli: «Bene ma guai ad abbassare la guardia»

AnconaToday è in caricamento