Mascherine e guanti in acqua, il porto come una discarica: «Alto rischio di inquinamento»

L'imprenditore Paolo Baldoni (Garbage Group) denuncia l'episodio su Facebook: i rifiuti sono stati recuperati dal suo Pelikan, aspirapolvere del mare

Mascherine e guanti raccolti nel porto di Ancona

Neanche il Coronavirus ferma i maleducati e chi non ha il minimo rispetto per il mondo e la natura. Lo dimostra la quantità considerevole di mascherine protettive, guanti in lattice e altri dispositivi di protezione individuale che sono stati gettati in acqua e raccolti nel porto dorico dal Pelikan, l’aspirapolvere del mare ideata dall’azienda Garbage, specializzata del trattamento e nello smaltimento di rifiuti speciali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A denunciare l’episodio di inciviltà è stato lo stesso titolare della società, l’imprenditore Paolo Baldoni, che su Facebook ha pubblicato le foto-choc: un cumulo di mascherine e guanti usati che qualcuno ha pensato di gettare in mare, sottovalutando il rischio di inquinamento e di diffusione del contagio. «C’è poco da dire, sempre le stesse cose: l’inquinamento è solo causa dei comportamenti sbagliati dell’essere umano - commenta il Ceo di Garbage Group -. E’ una dimostrazione tipica, anzi direi scientifica, di un modello di inquinamento e di criticità ambientale. Si parte sempre dall’acquisto e uso di un prodotto da parte dell’uomo e nella pessima abitudine, una volta terminato l’utilizzo, dell’errato smaltimento di quello che prima era un bene di necessità e che si trasforma, poi, in rifiuto. La causa di tutto questo è sempre la stessa: la totale incuria ed egoistico menefreghismo nei confronti della collettività e dell’ambiente. Ed ecco che, come sempre accade, un pessimo comportamento a terra si ripercuote in mare a dimostrazione che il pianeta e l’ambiente sono in continuo dialogo fra gli elementi terra, acqua e aria. A 40 giorni dall’emergenza pandemica che ha investito il Paese, un rifiuto come mascherine e guanti prima inesistente è oggi fortemente presente su quanto raccolto dal Pelikan. Il nostro battello oggi si dimostra non solo estremamente efficace nel svolgere il suo lavoro, ma un vero e proprio testimone diretto di quelle che sono le conseguenze secondarie, ma pur sempre gravissime, di questa emergenza sanitaria mondiale». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Denti ingialliti, come risolvere il problema rapidamente e senza igienista

  • Abusi sessuali su un'alunna, maestro allontanato dalla scuola: la verità nei suoi diari

  • Addio all'architetto D'Alessio, ex assessore: era presidente del Parco del Conero

  • Covid-19, nelle Marche impennata di ricoveri e pazienti in terapia intensiva

  • Droga in casa, bimbo ingerisce cocaina e va in ospedale: genitori e nonni in arresto

  • Meteo, l'autunno irrompe sulle Marche: in arrivo temporali e crollano le temperature

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento