Gli auguri della Giovane Ancona per la Pasqua: «Battiamo il coronavirus»

«Perché questo Coronavirus, cari ragazzi e genitori - si legge sulla pagina Facebook della Società Dorica - è un po’, come nel calcio, il classico squadrone da battere, ma noi vinceremo»

Foto Facebook

La Scuola Calcio Giovane Ancona ha scelto di augurare buona Pasqua ai propri ragazzi e alle loro famiglie in modo speciale, in questo periodo così particolare e difficile, a nome del Patron Sergio Schiavoni, del presidente Franzoni, di tecnici e dirigenti fermi a causa della pandemia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Perché questo Coronavirus, cari ragazzi e genitori - si legge sulla pagina Facebook della Società Dorica - è un po’, come nel calcio, il classico squadrone da battere. È quello forte, fortissimo, che di solito vince sempre, anche un po’ antipatico. Arriva sul nostro campo e vuole fregarci. Fischio d’inizio ed è già pronto ad aggredirci, cattivo. Ci schiaccia in area, e allora noi lì, uniti, a difenderci. A sostenerci l’un l’altro. A chiamarci ogni minuto: “Attento! Non uscire lì! Non toccarlo! Cambia movimento, aspetta!”. Ora siamo a fine primo tempo. Chiusi dentro lo spogliatoio. Il Mister ci parla, ci dà preziosi consigli: “Ragazzi, ‘sto Coronavirus è un avversario tosto, ma oggi la vinciamo noi: laviamoci le mani, non usciamo, stiamo a un metro. Facciamo bene i nostri compiti. Respiriamo, recuperiamo, aspettiamo. Non dobbiamo avere fretta. Usciamo là fuori solo quando si può. Siamo una squadra, siamo una famiglia: muoviamoci insieme solo quando sarà ora. Solo così vinceremo”.
Dentro lo spogliatoio chiuso ascoltiamo in silenzio e ci guardiamo tra compagni. Cerchiamo in noi la forza che vediamo negli occhi del nostro Capitano, nelle mani del nostro Portiere. 
Tra poco l’arbitro fischierà ancora. Solo allora potremo uscire. Uniti ma distanti, ancora per un po’. Ci sarà un secondo tempo da giocare. E vinceremo. Insieme vinceremo. Perché tutti gli avversari si possono battere, giocando da squadra. Compreso il Coronavirus».  Insomma, sarà una Pasqua un po' speciale: «ma noi - spiega il Presidente Diego Franzoni - siamo ottimisti, stiamo continuando a lavorare, a pensare in che modo esservi vicino anche in queste ore difficili ed aiutarvi a superare questo periodo al meglio. Presto metteremo in campo nuove iniziative anche grazie all'Atalanta. Buona Pasqua, in attesa di tornare in campo, cari nostri amati ragazzi! Il Presidente, il Presidente Onorario, i dirigenti e i tecnici».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • Coppia scatenata, sesso in pubblico: i passanti riprendono tutto col cellulare

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento