Va a trovare il fidanzatino nell'altro Comune: la fuitina costa cara, ma a mamma e papà

L'amore sfida la legge ma stavolta, trattandosi di minorenni, la multa è stata fatta ai genitori

Foto di repertorio

Parte da Filottrano e arriva ad Osimo per poter passare qualche ora con il suo fidanzato. La coppia, 17 anni lui e 15 anni lei, è stata pizzicata lunedì da una pattuglia della polizia municipale impegnata nei controlli per il rispetto del lockdown. I fidanzatini erano mano nella mano nei pressi del Foro Boario. «Stiamo solo prendendo una boccata d’aria» hanno detto i ragazzi agli agenti. Incalzati dalle domande però, alla fine la verità è venuta fuori. La ragazza, sfidando la normativa per il contenimento del Coronavirus, era arrivata direttamente da Filottrano. Ha detto che era stata accompagnata da qualcuno, senza però specificare chi. E’ stata riportata a casa da uno dei genitori, contattato dalla stessa pattuglia. Trattandosi di minorenni, la sanzione amministrativa di 400 euro è stata elevata nei confronti dei genitori dell’uno e dell’altro per non aver controllato i ragazzi e aver loro permesso di uscire senza motivi di comprovata esigenza. Complessivamente ieri nel Comune di Osimo sono state elevate 5 sanzioni. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’Assessore alla sicurezza del Comune di Osimo, Federica Gatto: «Sembra assurdo ma evidentemente la reale dimensione della situazione non viene ancora compresa, soprattutto dai più giovani. Purtroppo oggi le Marche sono state una fra le pochissime regioni in cui i contagi sono aumentati: è necessario continuare a mantenere il distanziamento sociale, evitare comportamenti incivili che minacciano la salute di tutti, ma è necessario altresì limitare al massimo anche le attività concesse, come la spesa alimentare o le uscite all'aria aperta. La drammaticità del momento dovrebbe essere lampante, non ci dovrebbe essere bisogno di sanzioni, la tutela della salute dovrebbe essere una priorità imprescindibile per tutti. Ma evidentemente non è così, per questo le strade e le vie secondarie cittadine continueranno ad essere presidiate e con sempre con maggiore scrupolo da parte delle forze di polizia statali e locali. Ognuno di noi si senta responsabile di cercare di arginare il contagio, rimaniamo a casa dando il buon esempio anche ai più giovani».
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Denti ingialliti, come risolvere il problema rapidamente e senza igienista

  • Abusi sessuali su un'alunna, maestro allontanato dalla scuola: la verità nei suoi diari

  • Schianto con il camper, Luca non ce l'ha fatta: è morto dopo 5 giorni di agonia

  • Addio all'architetto D'Alessio, ex assessore: era presidente del Parco del Conero

  • Covid-19, nelle Marche impennata di ricoveri e pazienti in terapia intensiva

  • Droga in casa, bimbo ingerisce cocaina e va in ospedale: genitori e nonni in arresto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento