Al parco con il cane o seduti su una panchina, raffica di sanzioni della polizia locale

Controlli anche sugli autobus: chi ha sconfinato senza motivo è stato obbligato a tornare indietro

I controlli al parco

FALCONARA - Una chiacchierata su una panchina del parco Robinson costa cara a due falconaresi, che dovranno pagare una sanzione di 400 euro ciascuno. Entrambi, un uomo di 43 anni e una donna di 33, sono stati sorpresi dagli agenti di polizia locale di Falconara nella mattinata di giovedì 23 aprile all'interno dell'area verde di Palombina Vecchia, nonostante l'accesso ai parchi pubblici e ai giardini sia vietato dalle norme per il contenimento del Coronavirus. Anche domenica 19 aprile gli operatori del Comando falconarese avevano sorpreso e sanzionato due donne che avevano portato a spasso i loro cani al parco Robinson: per entrambe la sanzione è stata di 400 euro.

Nel mirino degli agenti di polizia locale, nella mattinata di giovedì 23, è finito inoltre un ciclista: l'uomo è stato notato all'altezza della ex Caserma Saracini e la pattuglia lo ha seguito fino al centro città, dove l'uomo abita. Durante il tragitto, il ciclista è passato davanti a due supermercati e a una farmacia, senza fermarsi. Gli operatori hanno così escluso l'uscita per necessità e lo hanno fermato in via IV Novembre, a poca distanza da casa. L'uomo ha ammesso di essere uscito in bicicletta solo per fare un giro.
Numerosi anche i controlli della polizia locale a bordo degli autobus: sempre giovedì, all'altezza della stazione ferroviaria, è stato individuato un 36enne residente in centro ad Ancona che ha detto di essere diretto a un supermercato di Villanova, nonostante le uscite per la spesa siano consentite solo all'interno del proprio comune di residenza. Oltre a essere sanzionato, il giovane è stato obbligato a scendere dall'autobus e a salire su un mezzo che viaggiava nella direzione opposta per tornare a casa. Stessa sorte, poco dopo, è toccata a un 31enne, anche lui anconetano, trovato su un bus diretto a nord, che non ha saputo spiegare i motivi dello spostamento. Nella rete dei controlli è finito anche un 43enne di Montemarciano, che a bordo di un autobus di linea viaggiava verso Ancona: agli agenti ha detto che doveva fare acquisti nel capoluogo, ma al posto della spesa è tornato a casa con una sanzione di 400 euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un'ultima sanzione ha riguardato un uomo residente a Collemarino, incappato in un posto di controllo in zona Disco, fuori del suo Comune di residenza. Agli agenti ha detto di essere diretto in via XX settembre per prelevare allo sportello dell'ufficio postale del centro: in questo caso la sanzione è stata di 533 euro, dato che l'uomo viaggiava in auto.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Denti ingialliti, come risolvere il problema rapidamente e senza igienista

  • Abusi sessuali su un'alunna, maestro allontanato dalla scuola: la verità nei suoi diari

  • Schianto con il camper, Luca non ce l'ha fatta: è morto dopo 5 giorni di agonia

  • Dagli show al semaforo, al grattino da 300mila euro: la sliding door di Tiziano

  • Covid-19, nelle Marche impennata di ricoveri e pazienti in terapia intensiva

  • Meteo, l'autunno irrompe sulle Marche: in arrivo temporali e crollano le temperature

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento