Container per salme vicino ai mezzi del 118: «Il personale è a rischio contagio»

Lettera di un sindacato ai Nas e ai vertici dell'Asur e dell'Azienda ospedaliera: «Riposizionare la Potes e i materiali di maxiemergenza in un luogo più sicuro»

Il container per le salme a Torrette

L'ospedale rassicura: «Spiego perché gli operatori 118 lavorano in sicurezza»

«Rischio contaminazione per il personale del 118». A segnalarlo è una Rsu locale che in una mail indirizzata all’Asur Marche, alla direzione generale di Torrette e ai carabinieri del Nas, denuncia la situazione in cui lavorano i dipendenti della Potes (Postazione territoriale emergenza sanitaria) di Torrette. Nel mirino ci sono i percorsi Covid dell’ospedale e un container per salme posizionato nei pressi dell’uscita dei mezzi di soccorso, ma che fin qui non è mai stato necessario utilizzare. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«A seguito di una segnalazione da parte degli operatori - riporta la mail - si è rilevato che i percorsi Covid individuati dall’Azienda Ospedali Riuniti, relativi sia al passaggio di salme che di pazienti provenienti da aree ospedaliere, interne ed esterne, transitano di fronte alla porta della Postazione territoriale di emergenza sanitaria e al magazzino della scorta di materiali di maxiemergenza. Si fa notare che dalla giornata del 1° aprile 2020 a fianco dei mezzi del 118 utilizzati quotidianamente per l’emergenza territoriale è stato posizionato un container refrigerato per il contenimento delle salme Covid positive, nel caso l’obitorio aziendale non riesca a sopperire alle esigenze. Questo si va a sommare ad una situazione già precaria dal punto di vista igienico-sanitario, dato che gli attuali locali della Potes sono adiacenti allo stoccaggio dei rifiuti provenienti dall’ospedale. Questi passaggi rischiano di esporre a contagio tutto il personale che è costretto a frequentare lo stesso percorso: si richiede pertanto di trovare un tragitto alternativo che non esponga il personale al rischio di contagio ovvero al riposizionamento della Potes di Torrette e della scorta di materiali maxiemergenza in un’area più sicura». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Abusi sessuali su un'alunna, maestro allontanato dalla scuola: la verità nei suoi diari

  • «Non faccio sesso da 2 anni», donna lo urla ed arrivano decine di persone

  • «Con quella mascherina nera non può votare»: avvocatessa respinta dal seggio

  • Denti ingialliti, come risolvere il problema rapidamente e senza igienista

  • Schianto con il camper, Luca non ce l'ha fatta: è morto dopo 5 giorni di agonia

  • Dagli show al semaforo, al grattino da 300mila euro: la sliding door di Tiziano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento