L'economia è in apnea, Confartigianato Marche: «Ecco le nostre proposte»

Sospensione e proroga dei versamenti, moratoria dei mutui e un'indennità forfetaria di 5mila euro sono le richieste avanzate dal presidente Mazzarella e dal segretario Cippitelli

Giuseppe Mazzarella, presidente di Confartigianato Imprese Marche

In questa situazione di straordinaria criticità e di inimmaginabile emergenza, Giorgio Cippitelli, segretario di Confartigianato Imprese Marche, evidenzia che «la Confartigianato delle Marche, con tutte le sue articolazioni, è stata sin da subito operativa e a disposizione per fronteggiare l’emergenza Coronavirus, sia sul fronte degli aspetti sanitari, sia per quanto riguarda le conseguenze sul tessuto produttivo economico degli artigiani e delle micro e piccole imprese». 

A riguardo – sottolinea Giuseppe Mazzarella, presidente di Confartigianato Imprese Marche – stiamo partecipando al complesso sistema decisionale che si trova dietro alla gestione di un’emergenza di tali proporzioni. Stiamo portando, infatti, sin dalla sua istituzione, concrete e fattive proposte al tavolo di confronto della Regione Marche che sta partecipando, a sua volta, al tavolo di coordinamento tra le regioni italiane. E poi ci sono le scelte del Governo, con i loro effetti sul territorio, sull’economia e sui vari aspetti, più in generale, di impatto nazionale ed internazionale, come la comunicazione del premier Conte della decisione di chiudere, nell’intero territorio nazionale, ogni attività produttiva che non sia strettamente necessaria, cruciale, indispensabile a garantirci beni e servizi essenziali. Questo provvedimento ci trova pienamente d’accordo». 

«Infatti, nelle varie occasioni di confronto - precisa il segretario Cippitelli - abbiamo sempre supportato la necessità che l’attuale situazione vada affrontata seguendo tre linee. La prima è il fattore tempo: le scelte vanno fatte adesso, subito, la situazione è di una tale gravità che attendere è impensabile. La seconda è che, nello specifico dell’ambito economico, le scelte devo essere di una portata ben maggiore: dal nostro punto di vista, quanto finora stabilito, pur se finalizzato all’imprescindibile obiettivo di garantire maggiore liquidità a famiglie e imprese, è equiparabile all’aver “curato con un’aspirina un malato con svariate e gravi patologie”. La terza linea è che, appunto, le scelte devono ricomprendere tutto, tutti gli ambiti, i settori, e farlo una volta per tutte: crea confusione e disorientamento questo agire “un pezzo alla volta”. In questo momento, stiamo attendendo l’elenco completo delle attività da chiudere e di quelle che possono restare aperte. Teniamo ad evidenziare che ce ne sono alcune, come gli auto riparatori, che in alcune situazioni di emergenza devono intervenire ed operare. Quello della chiusura di molte attività è un sacrificio enorme per le piccole imprese italiane – si legge, anche, in una nota di Confartigianato Nazionale – ma inevitabile in nome del prioritario obiettivo della difesa della salute e per fermare l’inaccettabile catena di centinaia e centinaia di morti ogni giorno di queste terribili settimane. Poi faremo i conti con i danni economici». 

«In ambito economico, entrando più nel concreto - continua Cippitelli - e in estrema sintesi, una prima risposta che continueremo a chiedere è la sospensione e la proroga immediate di versamenti e adempimenti di ogni livello e categoria fino, almeno per ora, al 30 giugno 2020. La seconda è la moratoria dei mutui in essere fino al 31 dicembre 2020; inoltre riteniamo necessario che ABI ed AR si impegnino a promuovere presso le competenti Autorità UE, Internazionali e Nazionali, la modifica delle attuali disposizioni di Vigilanza per le moratorie. Un terzo elemento è portare il limite della indennità proposta e fissata da Governo Nazionale (elemosina quasi offensiva i 600 euro e le motivazioni addotte, a nostro giudizio) almeno pari a quella fissata per le analoghe figure in sede di sisma 2016 (indennità forfettaria di 5.000 euro a titolare o socio o partecipante di impresa nelle varie forme, per il periodo intercorrente tra la data dell’evento sismico di allora, 24.8.2016, e il 31.12.2016)». 

«Imprese ed economia sono in apnea – conclude Mazzarella - e le istituzioni pubbliche, tutti noi, siamo chiamati ad avviare uno stato di “sospensione generale ed apnea” per salvaguardarle, prima che sia troppo tardi, stante, purtroppo, il continuo aggravamento del contagio con i relativi effetti civili sanitari, umanitari ed anche economici senza alcuna distinzione né separatezza, né frontiera che regga e che tenga al riparo».

CORONAVIRUS, ALTRI 19 MORTI 

AL SALESI IL PRIMO NEONATO POSITIVO AL COVID 

UNA BUONA NOTIZIA: 4 PERSONE SONO GUARITE 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento