Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca

Il saluto dell'arcivescovo a medici e infermieri: «Siete grandezza, bellezza e pace»

L'arcivescovo Angello Spina ha incontrato il personale sanitario dell'ospedale regionale portando un messaggio di ringraziamento e la sua benedizione

Michele Caporossi e Angelo Spina

ANCONA - Il vecchio ingresso dell’ospedale di Torrette gremito da operatori sanitari e dai vari professionisti ipegnati in prima linea sul fronte Coronavirus. L’occasione è stato il saluto, il messaggio e la benedizione che l’arcivescovo della diocesi Ancona-Osimo Angelo Spina ha voluto portare a chi lavora ma anche a chi soffre in corsia. Ad accoglierlo, tra gli altri, c’era il direttore generale dell’Azienda Ospedali Riuniti Michele Caporossi, il presidente della Fondazione Ospedali Riuniti Marisa Carnevali e la direttrice della clinica oncologica Rossana Berardi. E poi la musica, quella della pianista Agnese Sanna che ha accompagnato l’incontro con due capolavori: l’ "Hallelujah" di Leonard Cohen (GUARDA IL VIDEO), resa ancor più commovente dal fatto che a cantarla è stata anche una parte della platea, e la sua composizione “Hero”, con un titolo che parla da sé. L’incontro è stato chiesto e ottenuto dalla Fondazione Ospedali Riunti di Ancona, su suggerimento di alcuni membri del personale ospedaliero. 

Il pensiero dell’Arcivescovo è andato a medici (GUARDA IL VIDEO), infermieri, tecnici ma anche ai malati e a tutte le persone che sono state costrette alla lontananza dai propri affetti a causa del Covid-19: «Pasqua è risurrezione, vita e speranza. Il futuro è proprio la speranza che non significa vuoto ottimismo, ma l’andare insieme in un’unica direzione- ha detto Spina- siete stati definiti eroi giustamente, perché le vostre imprese nascoste dietro a una mascherina o dentro una tuta sono per l’umanità un segno di grandezza, bellezza e pace». Al messaggio è seguita una preghiera a Maria, la benedizione e un pensiero a chi è stato portato via dal Covid: «A quelle persone sepolte a volte in un modo che ferisce l’anima» ha detto Spina. «In poche ore abbiamo ribaltato i setting organizzativi della struttura difronte a un nemico sconosciuto e diverso da tutti gli altri- ha detto Caporossi- c’è stato un periodo brevissimo di metabolizzazione e diffidenza, normale quando si ha davanti l’ignoto, ma questo ospedale si è trasformato rapidamente in un qualcosa di nuovo. Abbiamo messo insieme tutti i percorsi per i pazienti e fatto in modo che fossero protetti anche per gli stessi operatori. Con questo sforzo collettivo abbiamo fatto un capolavoro». 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il saluto dell'arcivescovo a medici e infermieri: «Siete grandezza, bellezza e pace»

AnconaToday è in caricamento