Un anno di indagine, 1.200 testimoni e quell'intuizione: «Così abbiamo ricostruito la verità su Corinaldo»

A tu per tu con il comandante provinciale dei carabinieri, Cristian Carrozza, che racconta l'anno di indagine e la svolta che ha portato alla cattura della gang dello spray

Cristian Carrozza

Un’intuizione che ha portato in meno di un anno alla svolta nelle indagini sulla strage di Corinaldo. Il comandante provinciale dei carabinieri Cristian Carrozza, presente al teatro La Fenice di Senigallia per l’incontro “Dovere della responsabilità e diritto al divertimento” dedicato al codice etico, ripercorre i momenti di un'inchiesta coordinata dai pm Paolo Gubinelli e Valentina Bavai (foto in basso a metà articolo), dal momento immediatamente successivo al panico dentro la discoteca Lanterna Azzurra fino all’arresto dei 6 presunti componenti della gang. Una banda sì e l’intuizione è stata proprio questa. Capire che quello che era successo non era stato un episodio isolato, ma la più grave delle conseguenze possibili di una serie di furti dal modus operandi specifico: stordire la vittima con della sostanza urticante per poi strappar via collane d'oro. Esperienza? Intuito di un singolo investigatore? Tecniche di indagine particolari? No, semplicemente analisi degli episodi pregressi. 

Da Fabriano a Corinaldo

«L’intuizione è derivata dall’osservazione dei fenomeni delinquenziali sul territorio- ha spiegato Carrozza- dopo aver capito che quei furti potevano essere legati ai fatti di Corinaldo siamo andati a ritroso, per cercare eventuali episodi simili avvenuti nel nostro territorio. Abbiamo quindi accertato che a ottobre una pattuglia dei carabinieri di Fabriano aveva fermato una macchina con a bordo tre persone, due delle quali sarebbero poi state indagate per la Lanterna Azzurra, che avevano rubato delle collanine da una discoteca del luogo». Il modus operandi non è passato inosservato: per stordire le vittime, la banda spruzzava sostanze urticanti. Da lì è partito il controllo sui tracciati telefonici, che è stato solo uno degli elementi di un’indagine molto più complessa: «E’ stato un lavoro immane che ha coinvolto tutto il Nucleo investigativo di Ancona- continua Carrozza- complessivamente abbiamo dovuto ascoltare oltre 1.200 testimoni, gran parte dei quali presenti la notte della tragedia, poi cercare riscontri con almeno 2.000 pagine di testimonianze. Poi c’erano gli atti dell’indagine vera e propria, cioè l’analisi dei tabulati relativi a migliaia di utenze di cui dovevamo verificare l’appartenenza e l’eventuale interesse nell’indagine. Bisognava ricollegare tutte quelle utenze alle persone». Poi la conferma, almeno nelle tesi accusatorie, che quella gang rappresentava la pista giusta per chiuidere il cerchio sulla strage: «Lo abbiamo capito quando sin dalle prime intercettazioni risultavano riferimenti a Corinaldo». 

Da sinistra Valentina Bavai, Paolo Gubinelli e Monica Garulli-2

La movida dopo Corinaldo

«La vicenda di Corinaldo ha segnato un solco, soprattutto nel comportamento dei gestori – commenta Carrozza- oggi c’è un senso di responsabilità maggiore da parte di chi deve far accedere in discoteca i giovani o nella vendita di sostanze alcoliche, che è vietata per i minori. Per quanto riguarda i giovani sì, l’esperienza della Lanterna Azzurra è stata percepita anche da loro anche se le abitudini, soprattutto quella di voler assumere superalcolici, non è stata ancora recepita appieno. Da qui l’impegno necessario e lungo di chi, nel sociale e nelle forze dell’ordine, deve fare in modo che questi fenomeni vengano limitati». Innegabile la stretta che il post Corinaldo portasse dal punto di vista della sicurezza nei locali pubblici. Il cosiddetto “effetto Lanterna Azzurra” ha portato alla cancellazione di diversi eventi in provincia e alla perplessità dei gestori che lamentano danni economici: «Le leggi esistono per essere rispettate e tocca a noi farle rispettare- continua Carrozza- i gestori sanno benissimo quali sono le norme e soprattutto non devono mai venire meno quelle relative alla sicurezza. Le regole stringenti riguardano proprio questo specifico settore». 

Il carabiniere e l’uomo

«Dal punto di vista umano la vicenda mi ha toccato molto anche dal punto di vista personale- conclude il comandante- non ci sono esperienze pregresse che insegnano ad affrontare situazioni del genere. E’ stato qualcosa di forte e unico che porterà il segno, anche in noi carabinieri, solitamente abituati a situazioni particolari. No, non è una cosa facilmente superabile, perché quello che è successo va a toccare l’intimo di chi ha figli e può essere rapportato alla propria esperienza di vita quotidiana».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un'indagine tutt'altro che finita perché i carabinieri del Nucleo Investigativo, diretti dal Tenente Colonnello Americo Di Pirro (foto in basso), stanno continuando ad indagare sull'altro filone: quello sulle condizioni del locale, sui permessi, sui mancati controlli e su chi, in generale, avrebbe dovuto vigilare e non lo avrebbe fatto: dallo staff della discoteca, fino alla politica e le istituzioni quali i vigili del fuoco. Perchè già, se è vero che qualcuno non avrebbe mai dovuto spruzzare quello spray in un locale così affollato, è pur vero che ci sarebbero dovute anche essere le condizioni affinché una qualsiasi condizione di panico fosse gestibile. Quello che non fu un anno fa alla Lanterna Azzurra di Corinaldo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare, mamma e papà ricoverati: bimbo di 5 anni resta completamente solo

  • Coronavirus, facciamo chiarezza: quali sono i sintomi e come si trasmette

  • Contagi nelle Marche, trend in aumento: ad Ascoli si fanno più tamponi

  • Il Coronavirus blocca anche il paradiso: Italo, il "survivor" solitario che vive di pesca e cocco

  • Una passeggiata da 400 euro, primo pedone "fuori quartiere" multato dalla polizia

  • Il rubinetto diventa flussimetro per respiratori, l'invenzione dei cardiologi in un tutorial

Torna su
AnconaToday è in caricamento