In lotta per giustizia e sicurezza, ma con il lutto nel cuore: «Il momento più bello con Eleonora»

Luigina Bucci è la presidente del Cmitato Genitori Unitario di Corinaldo. A un anno dalla tragedia ha portato ScuolaZoo a Senigallia e ha ricordato sua cognata, Eleonora Girolimini

Luigina Bucci

Spiegare ai giovani come divertirsi in sicurezza, lottare per ottenere giustizia e affrontare la quotidianità della famiglia con un peso sul cuore. Luigina Bucci è il presidente del Comitato Genitori Unitario (COGEU) di Corinaldo ed è anche la cognata di Eleonora Girolimini, la mamma morta nella strage della Lanterna Azzurra. A un anno esatto dalla tragedia il suo comitato ha portato al Mamamia di Senigallia la più grande community di studenti online, “ScuolaZoo” (GUARDA IL VIDEO). L’evento “l8xilfuturo”, in collaborazione con la Croce Rossa Italiana e la Polizia di Stato, è stato voluto per spiegare a un centinaio di studenti come stare ontano dai pericoli della movida, ma è stata anche l’occasione per ricordare Eleonora, scomparsa a 39 anni per proteggere la vita della figlia. 

«E’ passato un anno ed è stato un intenso, pieno di emozioni e di ricordi ma anche di ricostruzioni - ha spiegato Luigina- siamo arrivati a questo evento anche con l’aiuto dei giovani coinvolti in quella sera e con questo vogliamo ripartire anche se la ferita rimarrà aperta in ognuno di noi». Il momento più bello passato con Eleonora? «L’ultimo che ho è legato all’uscita che abbiamo fatto tutti insieme nel ponte di ognissanti, eravamo stati con le rispettive famiglie ed altri amici in un agriturismo. Eravamo tanti, ma erano più numerosi i bambini che gli adulti». Ripartire nel divertimento è il messaggio per i giovani, ripartire nella quotidianità famigliare è l’altra grande sfida di ogni giorno: «Paolo in casa è stato molto bravo, è molto forte. Non ha avuto tanto tempo per pensare a quello che è successo, i bambini sono quattro e sono piccoli. Hanno bisogno di attenzione e chiamano tutti i giorni». 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La malattia ha spento il sorriso di Carlo Termentini, lutto nell’imprenditoria

  • Assiste all'esordio del figlio con l'Ascoli e poi si ricovera, la tenera lettera in ricordo di Roberto

  • Schianto terribile a Posatora, tenta di evitare un gatto e si ribalta: è grave

  • I carabinieri: «Apra il cofano», lui: «C'è solo un po' di fumo». Arrestato con 5 kg di droga

  • Vedere il figlio nel calcio professionistico, il sogno di papà Roberto si realizza prima di arrendersi alla malattia

  • Esce dal reparto di ortopedia e finisce direttamente al Pronto Soccorso

Torna su
AnconaToday è in caricamento