Cronaca

Evadere dalla crisi con una cooperativa di giovani, l'idea di Mobitaly

Domenica scorsa c’era anche il Presidente delle Marche Luca Ceriscioli per il taglio del nastro del nuovo spazio showroom di Mobitaly, allestito all’interno di un capanno della Babini Office

Il taglio del nastro

Sono tutti ex dipendenti delle più importanti aziende del settore cucine di Camerano e oggi, alla luce della crisi economica e delle sempre più precarie posizioni del proprio lavoro, hanno deciso di unirsi in una cooperativa: Mobitaly. E’ la sfida di 16 giovani professionisti del settore, pronti a sfidare grandi nomi della lavorazione del legno e della costruzione di cucine. E lo faranno guidati da un consiglio di amministrazione formato da tutti 30enni. «E’ la nostra sfida con cui cerchiamo di conservare più posti di lavoro in questa area, quella della direttissima Del Conero, che è in crisi - ha detto il presidente del CDA Federico Frontalini - Ci siamo rimboccati le maniche per reinvestire con la speranza che, se le cose dovessero andare bene, potremmo riassumere anche dei vecchi colleghi».

E domenica scorsa c’era il Presidente delle Marche Luca Ceriscioli per il taglio del nastro del nuovo spazio showroom di Mobitaly, allestito all’interno di un capanno ne della Babini Office. E’ lì che si partirà con questa nuova esperienza, dove avverrà tutto il lavoro di produzione perché ai ragazzi di Mobitaly arriva il legno ancora grezzo e saranno loro a trattarlo ad ogni livello fino a farne diventare mobili e cucine componibili. «Crediamo di poter recuperare l’eredità di una grande storia perché la storia è fatta di persone, passione e competenze. Non vogliamo che tutto questo vada disperso» ha concluso Frontalini. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Evadere dalla crisi con una cooperativa di giovani, l'idea di Mobitaly

AnconaToday è in caricamento