Cronaca

Provincia di Ancona, sono oltre 2mila gli anziani vittime di reati

Confartigianato ha promosso una campagna di sensibilizzazione in collaborazione con le Forze dell’Ordine che quest’anno giunge alla sua seconda edizione e mira a fornire alle potenziali vittime, in particolare agli anziani,  consigli per difendersi da diverse situazioni di pericolo

Sono 2.261 gli anziani ultrasessantaseienni  che lo scorso anno sono stati vittime di reati in Provincia di Ancona. In particolare, 1.621 di loro sono stati derubati, 99 sono stati  truffati.  I dati sono dell’Ufficio Studi di  Confartigianato.

Confartigianato ha promosso una campagna di sensibilizzazione in collaborazione con le Forze dell’Ordine che quest’anno giunge alla sua seconda edizione e mira a fornire alle potenziali vittime, in particolare agli anziani,  consigli per difendersi da diverse situazioni di pericolo.

Sabato 17 ottobre al convegno "Sicurezza per gli anziani"  che si terrà presso il Centro Direzionale Confartigianato di Ancona in via Fioretti 2/a a partire dalle ore 17 alla presenza delle forze dell’ordine sarà presentato il “vademecum” per la sicurezza. L’incontro sarà aperto dai saluti del Presidente Provinciale Confartigianato Valdimiro Belvederesi e coordinato da Fabrizio Fabretti, Responsabile provinciale Confartigianato Persone. 

Interverranno: Sergio Lucesoli Presidente Provinciale ANAP Confartigianato,  Fabio Menicacci Segretario Nazionale ANAP Confartigianato, il Ten. Col. Francesco Canuti Comandante Guardia di Finanza Ancona, la Dott.ssa Cinzia Nicolini Vice Questore aggiunto Ancona, il Gen. Tito Baldo Honorati Ispettore A.N.C. Ass. Naz. Carabinieri, il Col. Stefano Caporossi Comandante Prov. Carabinieri Ancona.

La campagna prevede la distribuzione di vademecum e depliant che contengono suggerimenti per difendersi dai rischi di truffe, raggiri, furti e rapine. Semplici regole di comportamento suggerite dalle Forze di polizia per evitare di finire nelle mani di malintenzionati in casa, per strada, sui mezzi di trasporto, nei luoghi pubblici. Le occasioni di potenziale pericolo sono dappertutto e, per ogni circostanza, vengono indicati i trucchi messi in atto dai malintenzionati e i comportamenti da adottare. Tra le regole fondamentali, quella di rivolgersi con fiducia alle Forze di polizia (Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza) per segnalare atteggiamenti sospetti e per denunciare situazioni di pericolo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Provincia di Ancona, sono oltre 2mila gli anziani vittime di reati

AnconaToday è in caricamento