Stop all’abusivismo e al lavoro nero, Confartigianato: «Più tutela per la categoria»

Il direttivo di categoria che si è svolto ad Ancona ha lanciato un forte richiamo ai temi della legalità, contro un fenomeno, quello degli irregolari, che sta crescendo all’interno del comparto

Lavoro nero (foto d'archivio)

Stop all’abusivismo e al lavoro nero. Questo l’appello di Confartigianato Benessere di Ancona – Pesaro e Urbino che rappresenta la maggior parte delle  imprese del settore : parrucchieri, estetisti, tatuatori. Il direttivo di categoria che si è svolto ad Ancona ha lanciato un forte richiamo ai temi della legalità, contro un fenomeno, quello degli irregolari, che sta crescendo all’interno del comparto.

Gli abusivi evadono il fisco e le normative in materia di lavoro e di sicurezza, operano spesso all’interno delle mura domestiche, e oggi sfrontatamente si fanno anche pubblicità in rete, approfittando dei canali di comunicazione messi a disposizione dai social network per promuovere la propria attività.

 ‘Siamo pronti ad attuare azioni di protesta per ottenere maggiore tutela – dichiara Sonia Brunella, presidente Confartigianato Benessere - Chiederemo a breve un confronto con gli organismi preposti alla vigilanza e con i principali attori del territorio nell’obiettivo di definire una strategia comune contro abusivismo e lavoro nero, che preveda anche misure di prevenzione e contrasto online.’

‘L’attività degli abusivi  va combattuta con forza – dichiara Luca Casagrande, responsabile Confartigianato Benessere – perché danneggia chi opera nel rispetto delle regole, e può mettere a rischio la salute della clientela con procedure o prodotti non sicuri.’

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Confartigianato Benessere Ancona - Pesaro e Urbino, oltre ad esser pronta ad organizzare una incisiva azione contro abusivismo e lavoro nero, ha in progetto di sensibilizzare l’opinione pubblica con una campagna informativa sulle tariffe minime per le prestazioni lavorative del settore nel rispetto di tutti i parametri di sicurezza, delle norme sul lavoro e degli obblighi verso il fisco, con un invito alla clientela a diffidare dei prezzi che scendono al di sotto di tale soglia e che sono pertanto ‘spia’ di una irregolarità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, presentata la nuova Giunta Acquaroli: ecco tutti gli assessori con deleghe

  • Covid al liceo, studentessa positiva al tampone: classe di 29 alunni in quarantena

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Ubriaco fradicio, tampona una donna: nel sangue un tasso alcolemico spropositato

  • Incendio nella notte, paura in un palazzo del centro: 4 persone in ospedale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento