menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Conerobus, arrivano i nuovi mezzi: trenta i veicoli acquistati per il trasporto urbano

Il presidente Papaveri: “Il rinnovo della flotta rientra in una più ampia strategia di investimenti"

Conerobus prosegue nell’opera di rinnovamento del proprio parco mezzi. Agli undici nuovi autobus arrivati a luglio ed impiegati nell’extraurbano se ne sono aggiunti altri sette destinati alla rete urbana. Si tratta della prima tranche di diciannove bus di ultima generazione pronti a fare il loro ingresso nel circuito cittadino. Questi primi sette autobus sono lunghi 10 metri e pertanto particolarmente adatti a percorrere le strade del centro. I restanti 12 mezzi, di dimensioni superiori, da 12 a 14 metri, scenderanno in strada nei primi mesi del 2019.

“Il rinnovo della flotta – afferma il presidente di Conerobus Muzio Papaveri – rientra in una più ampia strategia di investimenti che l’azienda sta mettendo a punto con l’obiettivo di potenziare ulteriormente la qualità e l’efficienza del servizio erogato, valorizzando una mobilità sostenibile e sempre più tecnologica. Dopo aver lavorato duramente per dare stabilità ai nostri conti, abbiamo intrapreso questo percorso virtuoso che, tra le tante iniziative, annovera anche la centrale operativa, l’introduzione dei tornelli anti -evasione sugli autobus extraurbani e la sperimentazione dell’innovativo sistema anti – collisione. E’ nostra intenzione proseguire su questa strada che vedrà, durante il 2019, l’utilizzo di altre tecnologiche d’avanguardia. L’azienda è da sempre attenta alle molteplici aspettative dell’utenza e, attraverso le opportunità che l’innovazione presenta, si propone di fornire risposte sempre più al passo con i tempi”.

L’acquisto degli autobus per i collegamenti urbani è stato sostenuto da un finanziamento della Regione Marche grazie ai fondi comunitari.

Tutti i mezzi sono  dotati, tra l’altro, di pedana per disabili, avvisatori acustici per i non vedenti, sistema di videosorveglianza e di autospegnimento in caso d’incendio.

Sono trenta, in totale, le nuove vetture  acquistate nell’ultimo anno dalla società per la mobilità intercomunale di Ancona, che hanno permesso il rinnovo in chiave ecologica della flotta e che consentiranno di sostituire completamente i vecchi veicoli euro 0 ed euro 1.   

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rione Pinocchio, perché si chiama così? (La statua non c’entra)

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento