rotate-mobile
Cronaca

Conero superstar, boom di prenotazioni per la stagione 2023: a gennaio il doppio delle richieste dell’anno scorso

Trend in crescita già sotto la pandemia. Ma per la stagione 2023 si prospetta un ulteriore incremento di presenze turistiche sul Conero. Merito delle strategie promozionali azzeccate dall’associazione Riviera del Conero

ANCONA - Gli albergatori del Conero colti di sorpresa dall’ondata di prenotazioni per la stagione 2023. Rispetto a gennaio dell’anno scorso gli hotel stanno registrando il doppio delle richieste. Ma non è certo un caso, anzi, E’ il frutto di politiche di marketing turistico azzeccate dall’associazione Riviera del Conero, che negli anni ha individuato i giusti canali di promozione. Da un sito fortemente indicizzato alla presenza nelle fiere di settore. Ma soprattutto attraverso un targeting mirato che ha permesso di centrare i segmenti in linea con la proposta. Insomma, una strategia che col tempo ha pagato. Complice anche la pandemia, che nel periodo di forti limitazioni degli spostamenti internazionali ha favorito il turismo interno. E molti italiani hanno, così, scoperto le bellezze del Conero. 

Boom di richieste 

Fatto sta che a gennaio fioccano le telefonate. «Facendo un confronto con l’anno scorso siamo al doppio delle prenotazioni» afferma entusiasta Alessandro Simonetti, titolare dell’Hotel Galassi a Marcelli. I periodi sotto la lente d’ingrandimento dei turisti sono Pasqua e giugno. Quindi ci si aspetta una primavera da grandi numeri in riviera. «Sì, gli auspici sono sicuramente dei migliori - continua Simonetti - soprattutto stiamo assistendo ad un prolungamento del periodo di interesse». Infatti gli altri anni la maggiore difficoltà riguardava il riempimento nei mesi di bassa stagione. Adesso sembra che siano proprio quelli i più gettonati. Vero è che per il clou dell’estate ci si muove solitamente allo sbocciare della primavera. Ma visto il trend, se non si pianifica col giusto anticipo c’è il rischio di venire rimbalzati. «La scorsa estate abbiamo avuto una percentuale di occupazione al 100% - conferma l’albergatore -, si è trattato perlopiù di una clientela di nazionalità italiana». 

Stranieri in aumento

Ma vista la forte attività di promozione svolta dall’associazione Riviera del Conero è molto probabile che quest’anno si registri un incremento anche dei turisti stranieri. Specie quelli tedeschi, a cui l’associazione ha dedicato un sito web con l’obiettivo di sviluppare l’incoming sulla riviera. Si chiama Adria-Urlaub il portale tradotto interamente in tedesco che contiene immagini esperienziali delle spiagge, dei borghi e dei percorsi escursionistici più suggestivi. Mentre il sito tradizionale della Riviera del Conero vola a «diecimila visite al giorno - afferma il direttore marketing dell’associazione, Massimo Paolucci -. Stiamo registrando anche noi un interesse anticipato, di solito a gennaio non avevamo così tanti accessi al sito». 

Il digital marketing 

La ricetta per agganciare i turisti si compone e di una strategia attiva su più livelli. Imprescindibile quello digitale: «i nostri siti sono fortemente indicizzati - spiega Paolucci - a facciamo campagne adwords e social. Inoltre abbiamo instaurato proficui rapporti con il mondo dei bloggers e degli instagramers». Mentre sul fronte b2b e b2c è importante «la presenza alle fiere di settore - prosegue il direttore marketing -, infatti a fine febbraio andremo in Germania alla Itw». Imprescindibili anche «gli educational tour con i tour operator  - aggiunge Paolucci - e le guide cartacee che stampiamo ogni anno in 50mila copie e che andiamo a distribuire in tutte le strutture ricettive e in tutti gli uffici informazioni».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Conero superstar, boom di prenotazioni per la stagione 2023: a gennaio il doppio delle richieste dell’anno scorso

AnconaToday è in caricamento