Aveva l'ala fratturata, salvato sul Conero un rarissimo esemplare di Astore

L'esemplare versava in grave difficoltà a causa di una frattura alare, è stato rinvenuto al margine di una pozza presso il Conero Golf Club di Sirolo

L'astore ferito

Nei giorni scorsi i carabinieri forestale sono intervenuti per soccorrere un rapace ferito ritrovato presso il Conero Golf Club di Sirolo, mentre si stava abbeverando in una pozza d'acqua. Giunti sul posto i militari sono rimasti sorpresi dal fatto chhe si trattava di un giovane esemplare di astore, specie rarissima che frequenta boschi maturi e di elevato valore naturalistico e nidifica su alberi di grandi dimensioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'animale impaurito ed aggressivo è stato catturato con difficoltà dai militari che, appurata la grave lesione dell'ala, lo hanno recuperato prontamente e consegnato al veterinario. Nella giornata di ieri, l'animale è stato trasferito presso la clinica veterinaria Monte Adone di Bologna specializzata per gli interventi di recupero delle fratture dei rapaci, che tenterà di recuperare l'animale al fine di rilasciarlo in natura nel Parco del Conero, dove con ogni probabilità è nato. Considerato che per questa specie non erano state mai segnalate nidificazioni nell'area del Parco del Conero, e che l'esemplare è un giovane uscito dal nido da poche settimane, questo evento è da considerarsi importantissimo per l'area protetta, e sta a dimostrare come le superfici boscate del parco stiano acquisendo un ottimo grado di naturalità, tale da ospitare anche specie più esigenti che hanno necessità di ecosistemi forestali naturali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • Coppia scatenata, sesso in pubblico: i passanti riprendono tutto col cellulare

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento