menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Studenti sul podio di Destinazione Futuro, ecco i premiati

Venti classi partecipanti e, per la nostra provincia, è solo il liceo Medi di Senigallia ad andare a medaglia nel concorso dedicato all'Europa e alla formazione dei giovani

Terzi dopo due istituti di Fermo. È medaglia di bronzo per gli studenti della 3 B del liceo Medi di Senigallia al concorso Destinazione Futuro che ha visto la partecipazione di 20 classi delle scuole superiori marchigiane. Edizione numero 6 per questa iniziativa promossa e realizzata dall'Autorità di gestione del Fondo Sociale Europeo della Regione Marche in collaborazione con il Centro Europe Direct Regione Marche, il nuovo sportello informativo sull'Europa che la Regione mette a disposizione dei giovani per acquisire informazioni sulla Ue e sulle opportunità che derivano dall'essere cittadino europeo. I progetti realizzati dai ragazzi (siti web, video, app, reportage di immagini e approfondimenti) avevano come tema proprio l'Europa in termini di opportunità di studio, lavoro, crescita , viaggi Erasmus e quanto e stato fatto nelle scuole marchigiane grazie agli interventi previsti dai fondi europei Fse e Fesr. 

«Investiamo molto su questo progetto rivolto ai giovani – ha detto l’assessore all’Istruzione, al Lavoro e alla Formazione Loretta Bravi - che permette esperienze all’estero al fine di una formazione mirata e di nuove opportunità. Oggi sono particolarmente contenta perché ho trovato ragazzi molto vivaci intellettualmente e molto preparati. Ho notato una qualità notevole in tutti i lavori presentati con approcci innovativi e interessanti che entrano nel merito della questione. Ogni anno l’asticella si alza e questo è la dimostrazione che l’impegno serio di professori e dirigenti in collaborazione con le strutture regionali porta frutti. Questi giovani si sentono europei grazie alle esperienze culturali che hanno vissuto e che ci hanno raccontato. Non sono ragazzi che vogliono fuggire in Europa, sono ragazzi che hanno colto il fatto che non ci sono frontiere, che dobbiamo aprire le nostre menti e che hanno capito cosa serve per il mondo del lavoro e il mercato. Per questo come Regione stiamo investendo su vari fronti: apprendistato, duale, alta formazione, autoimpresa, start up. Il fatto che i ragazzi stessi parlassero di questo oggi è fondamentale: significa che nelle scuole è entrata una nuova mentalità e una consapevolezza delle possibilità che i Fondi strutturali offrono in concreto. La Regione si impegnerà quindi in un dialogo sempre più stretto con la scuola e con le aziende pensando anche a strutture trasversali di riferimento perché le risorse Ue siano veramente utili a questi giovani non per sognare la destinazione del futuro ma per raggiungerla».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento