rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca

Bruxelles approva, 25 milioni di euro per Aerdorica

I costi di ristrutturazione saranno finanziati sia dal contributo di 25 milioni della Regione Marche

La Commissione europea ha approvato i piani italiani per concedere un aiuto di stato di 25 milioni di euro per la ristrutturazione di Aerdorica SpA, l'operatore di "Aeroporto delle Marche" di Ancona, come riporta l'agenzia Dire. In base alle norme dell'Unione Europea in materia di aiuti di Stato, le società in difficoltà finanziarie possono ricevere aiuti di Stato solo al fine di ripristinare la loro redditività a lungo termine e sulla base di condizioni chiare. Considerati i piani italiani di Aerdorica, i costi di ristrutturazione saranno finanziati sia dal contributo di 25 milioni della Regione Marche, sia dalle risorse proprie della societaà e degli operatori del mercato privato, compresi i 15 milioni di euro di un nuovo investitore, Njord Adreanna Srl, che acquisterà il controllo della società sulla base del piano di ristrutturazione. Aerdorica impiega 100 persone e fornisce servizi a passeggeri, compagnie aeree, merci, partner commerciali e a tutti gli operati che utilizzano le strutture aeroportuali. 

Il commento del Presidente Ceriscioli 

“Una importante notizia che attendevamo da tempo e per la quale abbiamo lavorato a ritmo serrato è arrivata: la commissione UE ha dato il via libera agli aiuti di stato per il salvataggio di Aerdorica. Un passaggio fondamentale per questa infrastruttura. Ora manca l’ultima fase del concordato, l’accettazione da parte dei creditori del piano di ristrutturazione, ma nello stesso tempo possiamo dire che si apre la prospettiva piena dello sviluppo di questa infrastruttura. Un socio privato potrà, con 15 milioni, finanziare la crescita dell’aeroporto, tanti voli garantiti sia per i passeggeri che per il cargo, oggi importante per tutte le imprese. Ringraziamo il Consiglio regionale che ci ha sempre creduto mettendo a disposizione le risorse, il management di Aerdorica che ha resistito in tempi difficilissimi e che inizia a guardare alle opportunità che questo scalo ci può ancora offrire: tanta crescita in quelle dimensioni che riguardano il turismo e l’economia marchigiana. L’aeroporto è una infrastruttura di importanza vitale per una economia che oggi guarda al mondo”.

La reazione dei sindacati 

I sindacati FILT CGIL -FIT CISL -UILTRASPORTI salutano con favore il via libera al salvataggio di Aerdorica con l'autorizzazione alla ricapitalizzazione della Regione Marche e con il conseguente co-finanziamento da parte di un investitore privato Njord Adreanna srl, che acquisirà il controllo della società. Ma il sindacato dei trasporti è preoccupato dal fatto che l'ingresso privato nel capitale di Aerdorica, così come emergerebbe dal comunicato dell'Ansa, preveda un piano di ristrutturazione e tra le misure compensative esternalizzazione dei servizi a terra. “Siamo contrari ad operazioni di dumping contrattuale, si scaricherebbe di nuovo sui lavoratori il costo della ristrutturazione, vogliamo conoscere i piani industriali della nuova società e non vogliamo esuberi di personale. I lavoratori hanno già dato con tagli pesanti ai propri salari e con gli ammortizzatori sociali in atto”, dichiarano i tre segretari di CGIL – CISL – UIL. E sono a richiedere la riapertura del Tavolo permanente con la Regione sul monitoraggio della privatizzazione e sulla riorganizzazione che questa potrebbe portare. Infine, lunedi è convocato in prefettura una riunione per la seconda fase di raffreddamento.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bruxelles approva, 25 milioni di euro per Aerdorica

AnconaToday è in caricamento