Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca

Monitoraggio frana: via libera alla collaborazione tra Comune e Università

L'obiettivo finale è quello di migliorare le tecnologie utilizzando risorse finanziare oltre che regionali e nazionali, anche comunitarie ed internazionali. Verranno istituite anche borse di studio e dottorati di ricerca

Il sistema Early Warning (foto archivio)

Via libera della Giunta dorica alla collaborazione tra Comune e Univpm – nello specifico tra il Centro di Monitoraggio H24 della frana e il dipartimento Scienze della vita e dell’Ambiente – per valorizzare attraverso studi e ricerche il percorso portato avanti dal Comune di Ancona da diversi anni attraverso il sistema dell’Early Warning per la frana.

L’obiettivo finale è quello di migliorare le tecnologie utilizzando risorse finanziare oltre che regionali e nazionali, anche comunitarie ed internazionali.
Questo accordo produrrà effetti anche sul fronte della collaborazione nelle attività didattiche universitarie e nel mantenimento di un elevato livello scientifico per il controllo di frane, finalizzato alla salvaguardia delle popolazioni esposte.

Non da ultimo, scrive infine il Comune, favorisce in ambito nazionale ed internazionale la diffusione della cultura di protezione civile  attraverso l’utilizzo di sistemi di early warning da parte delle amministrazioni pubbliche locali e statali.
Verranno istituite anche borse di studio e dottorati di ricerca che avranno per oggetto questi temi con lo scopo di formare nuovi professionisti nel settore.

“Questa collaborazione è un primo passo che il Comune fa con questo sistema di Early Warning perché già siamo a conoscenza che l’eccellenza del monitoraggio h24 è conosciuta anche dal servizio geologico americano che ha espresso vivo interesse per collaborazioni e scambi con le strutture anconetane” spiega l’assessore Urbinati.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Monitoraggio frana: via libera alla collaborazione tra Comune e Università

AnconaToday è in caricamento