Influenza, le Marche sono la regione più colpita

Le Marche sono la regione più colpita d'Italia, secondo quanto affermato dall'Istituto Superiore di Sanità nel suo ultimo rapporto di sorveglianza sull'influenza stagionale con con 21,25 casi ogni 1000 assistiti

Con l'avvicinarsi del picco influenzale Campagna Amica lancia l'Arancia Day, con degustazioni di spremute d'arancia di un'azienda siciliana della rete dei produttori che fanno vendita diretta dei loro prodotti e consigli sulla dieta antigelo per rafforzare le difese immunitarie.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le Marche sono la regione più colpita d'Italia, secondo quanto affermato dall'Istituto Superiore di Sanità nel suo ultimo rapporto di sorveglianza sull'influenza stagionale con con 21,25 casi ogni 1000 assistiti. La maggior parte dei colpiti sono bambini e ragazzi tra i 5 e i 14 anni. Meno gli over 65 con 7,21 casi ogni 1000 pazienti. Appuntamento dunque ad Ancona, dove al tradizionale mercato del sabato di via Cavour si aggiunge e raddoppia, via Castelfidardo (anziché piazza Roma) la seconda e quarta domenica del mese, Pesaro, Fano e Fermo. Per rafforzare contrastare i malanni stagionali Coldiretti ha messo a punto una dieta antigelo fatta di vitamina C, contenuta appunto nelle arance, ma anche da verdure e legumi di stagione come cavolfiori, spinaci, cicoria, zucca, radicchio, broccoletti,cavolo nero, verza, fagioli, ceci. Per non parlare del miele, vero e proprio antibiotico naturale. Ottimi anche cipolle e aglio possibilmente crudi per la valenza antibatterica non indifferente che danno il giusto quantitativo di sali minerali e vitamine antiossidanti di grande aiuto per combattere il freddo di questi giorni. Ci sarà anche ma anche la possibilità di firmare la petizione per difendere il vero cibo italiano. Eat original! Unmask your food proseguirà fino a fine 2019 per chiedere all’Ue la legge per l’obbligatorietà di indicazione di origine nelle etichette del cibo. Una questione di trasparenza per i consumatori ma anche di tutela delle produzioni di qualità del Made in Italy.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, presentata la nuova Giunta Acquaroli: ecco tutti gli assessori con deleghe

  • Covid al liceo, studentessa positiva al tampone: classe di 29 alunni in quarantena

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Ubriaco fradicio, tampona una donna: nel sangue un tasso alcolemico spropositato

  • Incendio nella notte, paura in un palazzo del centro: 4 persone in ospedale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento